Tintinnìo di forconi sotto il Palazzo

Non sottovaluterei il tintinnìo di forconi che si ode in piazza in questi giorni e non credo neanche che li sottovalutino i signori del Palazzo, anche se presi dalle trame che fervono in attesa del fatidico voto di fiducia del prossimo 14 dicembre. E’ un popolo arrabbiato quello di Terzigno e quello della scuola, studenti compresi, mentre dai tetti e dalle gru di mezza Italia gli operai, i precari, gli immigrati urlano la loro rabbia.

Si sono alzati i toni, che erano già abbondantemente al di sopra della normale dialettica politica per combattere una sfida che oltre al valore politico ha il sapore della sfida all’Ok Corral, un duello in perfetto stile western… all’italiana. Tuttavia è proprio in questo momento che si sono alzati i toni anche della gente, che soffre a tirare avanti e si vede ulteriormente penalizzata da una manovra solo matematicamente comprensibile, ma profondamente ingiusta, che è stufa della corruzione e del malaffare di chi se ne approfitta, che assiste alla demolizione del servizio pubblico e dei servizi al pubblico, dalla scuola, alla giustizia, al lavoro, alla sanità, all’economia e la cultura del Paese.

Se Emilio Fede viene preso a schiaffi in un ristorante di Milano, a prescindere dal fatto che li abbia presi per una questione privata o per il suo ruolo pubblico, mezza Italia ride e si ricrede sull’esistenza di Dio, ma credo anche che Feltri, Belpietro, Sallusti e compagni cantante non ridano affatto e stiano molto attenti girando per strada…

Attenzione però che proprio il tintinnìo dei forconi sotto i Palazzi ha sempre provocato una reazione. Negli anni ’70 fu la strumentalizzazione di quello che è stato il Movimento a distruggerlo, dissipando le energie positive che venivano espresse dalla gente, in altri momenti fu la repressione, ma in altri fu proprio quel rumore che fece correre all’interno delle stanze del potere.

Annunci

, , ,

  1. #1 di claudio il novembre 25, 2010 - 8:17 am

    era oraaaaa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: