Infiltrati provocatori

Abbiamo assistito oggi ad un Ministro Maroni piccato per i sospetti sull’esistenza di infiltrati delle forze dell’ordine nei disordini che hanno sconvolto Roma il 14 dicembre scorso. “Sono metodi archiviati” ha sostenuto a margine della sua esposizione in Parlamento. Strano… eppure le foto che sono state pubblicate in questi giorni parrebbero dire altro, proviamo a vederne qualcuna:

Guardate il tizio in beige, con il manganello e le spalle al muro davanti alla vetrina: ha anche un paio di manette aperte in mano… La stessa persona sembra essere quella ritroviamo nelle foto che seguono (quantomeno è vestita nella stessa identica maniera, scarpe comprese):

Un ragazzo a volto coperto che colpisce finanzieri e attacca blindati della polizia e poi soccorre un militare mostrando manette e manganello? Ce ne sono altre di foto con questo strano personaggio: mentre attacca con una vanga un blindato della polizia, solo e temerario, mentre sfida lo sbarramento della zona rossa nel cuore degli scontri a pochi metri da Senato, il volto coperto da una sciarpa, mentre colpisce il vetro del furgone della Celere, subito seguito da un altro ragazzo. Ancora dopo è presente alla scena del finanziere aggredito che impugna la pistola, come vedete nella prima immagine in alto: è sempre lui, in un angolo accanto alla vetrina: ma questa volta ha in una mano il manganello e nell’altra le manette. Ed è dalla parte delle forze dell’ordine.

Poi in un’altra immagine infine si mostra a volto scoperto, dietro il muro dei militari, accanto a due poliziotti. Il ragazzo con il giubbotto beige è inconfondibile. Ha scarpe bianche Nike, che spiccano su quelle scure della massa. Jeans scoloriti, cadenti, che cerca di tirare su quando è con i poliziotti. E indossa un unico guanto destro, a righe bianche e rosse. Sia negli attacchi, sia quando impugna le manette, si copre il volto con una sciarpa chiara. Negli scatti si notano diversi “tutori della legge” travisati come dimostranti. La sequenza dell’aggressione al finanziere mostra alcuni agenti con il viso coperto. Uno di loro soccorre il sottufficiale nella mischia: ha un vistoso parka con un disegno geometrico a varie tonalità di grigio e occhiali da sci. E subito dopo è accanto al presunto provocatore. La scena dello scontro per liberare il militare delle Fiamme Gialle evidenzia altri due “infiltrati”. Uno è quello che poi abbraccia il sottufficiale, come a calmarlo. L’altro è quello vestito con una giacca a vento nera che si getta contro gli aggressori, impugnando una ricetrasmittente. E poi nella confusione viene colpito dal manganello di un basco verde sopraggiunto di corsa.

L’uso di personale infiltrato nelle manifestazioni di piazza è prassi antica e legittima. Serve per controllare i movimenti della folla, identificare i soggetti che guidano gli assalti, intervenire “dall’interno” nei momenti più delicati. Un impiego frequente anche negli stadi ma soprattutto in occasione di cortei politici. Anche durante il G8 di Genova molte foto hanno documentato la presenza di agenti in borghese, mescolati alle marce nei momenti pacifici e nelle giornate della battaglia. Ma nonostante i sospetti non è mai stata documentata l’opera di provocatori: uomini delle forze dell’ordine “in incognito” che aggredissero loro colleghi o partecipassero alla devastazione dei negozi.  Le immagini del “ragazzo con il giubbotto beige” invece sembrano confermare le ipotesi più inquietanti.

A tutela della legalità democratica e dei tanti uomini delle forze dell’ordine che si sono fatti picchiare rispettando le regole dell’ordine pubblico, chiediamo a Maroni di smetterla di raccontarci frottole:  quanti erano gli agenti mescolati ai black bloc nella giornata che ha fatto ripiombare la capitale nel clima degli anni di piombo? E quale è stato il loro ruolo nella guerriglia metropolitana con decine di feriti e danni gravissimi?

Annunci

, , ,

  1. #1 di mauroD il dicembre 17, 2010 - 7:45 pm

    spero almeno che tu sappia che è dimostrato che sono tutte stronzate, l’ometto con il giubbotto beige è già stato identificato, ovviamente è un estremista di sinistra

    • #2 di marcofer7 il dicembre 17, 2010 - 11:12 pm

      Lieto di pubblicare la cosa: dove lo hai letto?

    • #4 di marcofer7 il dicembre 18, 2010 - 12:13 am

      Questi articoli descrivono il tizio con la giacca beige, come “un figlio d’arte” (il padre era ex brigatista degli anni ’70 – notizia ANSA). Lietissimo di sapere che in questo caso non si trattava di un provocatore, ma di un cretino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: