Archivio per febbraio 2012

no TAV

Annunci

, , ,

Lascia un commento

il Papa, l’IMU e lo strano fenomeno delle chiese aperte

Se viveste a Roma non potreste non aver notato lo “strano” fenomeno delle chiese aperte. Esatto: chiese solitamente mai aperte al pubblico (e a Roma ce ne sono veramente tante e bellissime) hanno  improvvisamente spalancato i solenni portoni al pubblico. I visitatori estasiati dallo splendore del patrimonio artistico avranno plaudito alla solerzia del Vaticano nel far ammirare i tesori d’arte accumulato nei secoli, ma le ragioni sono più pragmatiche.

Andiamo con ordine. il governo dei Tecnici al governo in Italia, di fronte al tentativo di risanare un Paese dilaniato da un lungo passato di malgoverno è costretto ad imporre sacrifici a tutta la popolazione, in base al reddito, senza tuttavia escludere neanche i più poveri. Tra i provvedimenti istituisce l’IMU, un’imposta sulla proprietà immobiliare dei cittadini, compresa la casa in cui abitano. Le proprietà immobiliari della Chiesa (o forse dovrei dire del Vaticano) sono immense: chiese, scuole ospedali, aziende oltre ai conventi, i dormitori e la galassia di società no-profit che sono o gravitano nella sfera di influenza di papa Ratzinger e tutte, dico tutte, queste proprietà non hanno mai pagato questa tassa e vengono (ovviamente verrebbe da dire) incluse nelle fonti di prelievo fiscale.

Questo scatena il putiferio perchè si tratterebbe di un vero e proprio salasso, quasi un attentato alle finanze dello Stato Vaticano e cominciano le urla indignate. Sono fermamente convinto che i luoghi di culto non debbano essere soggetti a tassazione per il semplice motivo che, per sostenersi, non essendo centri di profitto, questi dovrebbero chiedere alla gente di pagare (e questo aumenterebbe la tassazione oggettiva sui cittadini credenti) o chiudere (e questo sarebbe una grave violazione del diritto di culto della gente). Detto questo però, ogni altra attività deve generare un gettito fiscale che serve a finanziare il pubblico vivere civile della comunità: è un principio fondamentale della pubblica convivenza e infatti anche il Vaticano è costretto a cedere. La Santa Sede annuncia che pagheranno l’IMU tutte le sue attività commerciali.

Prima ancora che Monti possa rispondere alle sempre maggiori pressioni che gli arrivano da ogni fronte, è tutto un fiorire di cappelle che trasformano interi immobili in luogo di culto e le porte delle chiese si aprono, perchè se sono chiuse, non sono luoghi di culto. Ecco svelato il miracolo, ma la cosa che fa più rabbia sono le scuole. Parificate o private che siano, sono arrivati a sostenere di non essere attività commerciali perchè le rette salatissime che vengono imposte agli studenti sarebbero in realtà dei finanziamenti alla comunità religiosa che manda avanti la scuola: una bugia talmente grossolana che basta una visita occasionale per rendersene conto. Eppure Gasparri, lo ha gridato come un fatto ovvio non appena il governo Monti ha dichiarato che le attività non commerciali del Vaticano ed in genere di ogni altra attività no-profit sarà esclusa dal provvedimento fiscale.

La corsa frenetica a cercare motivazioni per non pagare le tasse da parte del Vaticano è un insulto che dovrebbe vedere tutti gli italiani sdegnati, perchè non è concepibile che qualcuno si sottragga alle restrizioni che tutti devono subire, ma lo è ancora di più quando questo è fatto da un’istituzione spirituale. Siamo stati costretti a tutto questo da uno Stato, chiamato a gestore la cosa pubblica, che invece di servire il popolo lo ha soggiogato e ci accorgiamo di come anche chi è stato chiamato a curare le anime di milioni di cittadini italiani si rifiuta di contribuire alle loro necessità per preservare i propri privilegi.

Non c’è che dire: o gli italiani si svegliano e mettono fine a tutto questo, affermando con tutta la forza necessaria il principio della sovranità popolare o non riusciremo mai a sottrarci al giogo medievale in cui siamo costretti e finiremo schiacciati dall’avidità del Papa e dell’Imperatore.

, , , , , ,

19 commenti

Alemanno regala la neve

, , , , , ,

Lascia un commento

Alemanno e la Caporetto della neve a Roma

Che gli uomini “spalino”. Che donne, vecchi, bambini “non escano di casa per andarsi a fare le foto”. Ogni disfatta ha un suo bollettino da consegnare alla Storia. E quando alle 12 di ieri il sindaco Gianni Alemanno invita con tono perentorio a “raggiungere i quattro centri di distribuzione pale” prima che arrivi il gelo, la città capisce che è tutto finito. Meglio, che nulla è mai iniziato. Perché in quel si “salvi chi può”, la resa certifica un abbandono che si fa arrogante. E per giunta bugiardo. Come uno Schettino qualunque di fronte al suo naufragio, il sindaco perde la testa, rovescia il tavolo. Se la prende con i romani che “non mettono le catene”. Accusa la Protezione civile di previsioni meteo errate. Evoca il complotto contro la città eterna, “regolarmente informata in ritardo” delle calamità che Iddio le riserva. È uno spettacolo raggelante, che Franco Gabrielli, capo della Protezione civile, chiosa a “Repubblica” così: “Sono un uomo delle istituzioni e provo un’amarezza infinita. Pur di proteggere se stesso e dissimulare le proprie responsabilità, c’è un sindaco pronto a distruggere il lavoro e la credibilità di un intero sistema di Protezione civile. È incredibile”.Già, ma di incredibile c’è soprattutto come è nata questa Caporetto. Ci sono le comunicazioni tra Comune e Protezione civile, e almeno un atto interno del Gabinetto del Sindaco, che La Repubblica ha raccolto e che documentano come Roma è stata abbandonata a se stessa.
Il vertice di giovedì
Bisogna dunque tornare indietro di qualche giorno. Alle 19.30 di giovedì 2 febbraio, quando Gianni Alemanno entra negli uffici della Protezione Civile accompagnato da Tommaso Profeta, l’uomo responsabile della sicurezza e dei piani di protezione civile della città. Gabrielli ha convocato il Comitato nazionale tecnico per discutere e aggiornare i piani per l’emergenza che ha colpito il centro-nord. È un tavolo dove normalmente non vengono invitati gli enti locali. Ma questa volta, quello che sta per abbattersi su Roma consiglia la presenza del sindaco, dei rappresentanti della provincia (l’assessore alla sicurezza Ezio Paluzzi) e della Regione (il dirigente generale Luca Fegatelli). Ad Alemanno, insomma, non sfugge il motivo per cui è stato convocato. Anche perché, il sindaco sa bene che la città che amministra è l’unica a non avere ancora, ad otto anni dall’entrata in vigore della direttiva che lo impone, un “centro funzionale” per il monitoraggio delle condizioni ambientali. Per sapere che tempo farà, Alemanno ha due soli strumenti: il televideo e la Protezione civile.
Il bollettino che gli viene consegnato è chiaro. I meteorologi prevedono per venerdì 3, fino all’alba del 4, “precipitazioni combinate” pari a 35 millimetri d’acqua. Con una postilla ovvia. Se sarà acqua o neve, dipende da dove si collocherà lo “0” termico. Alemanno, che per giunta è un alpinista, dovrebbe sapere che quei 35 millimetri d’acqua, se trasformati in neve, significano 35 centimetri. E, almeno giovedì sera (al contrario di quanto dirà poi), la questione sembra essergli chiara. Si lascia infatti con Gabrielli con un impegno e una scommessa guascona: “Caro prefetto, allora ce la giochiamo con un grado. Venerdì osserveremo la temperatura. Se raggiungiamo lo “0” in città, faccio partire il “piano neve””. Il capo della Protezione civile prende atto, ma insiste. Gli chiede se non ritenga opportuno allertare comunque il “Sitema nazionale di protezione civile”. Quello che consente di far affluire a Roma da altre parti del territorio nazionale, mezzi e risorse aggiuntive per fronteggiare l’emergenza. Alemanno ringrazia, ma declina: “Il piano c’è, non ho bisogno di nulla”.
Il fax che svela la menzogna
Il sindaco, del resto, in quelle ore ha una sua coerenza. Sa così bene quello che sta per precipitargli sulla testa ed è così convinto di poter fare da solo che il pomeriggio del 2 ha disposto la chiusura delle scuole per venerdì e sabato. Ma c’è di più. Conosce a tal punto quale emergenza si avanza che martedì 31 gennaio, il suo Tommaso Profeta (l’uomo che è con lui alla Protezione civile), ha inviato alle 3000 associazioni di volontariato della città una comunicazione ufficiale che invita alla immediata mobilitazione. Leggiamo: “In riferimento all’informativa di condizioni meteo avverse protocollo RK 206/2012 e il possibile peggioramento della situazione meteo con rischio neve a quote basse, dalla serata del 31 gennaio, si ritiene indispensabile l’attivazione di presidi per far fronte alle eventuali esigenze di Protezione Civile, connesse all’assistenza alla popolazione”. Il sindaco chiede “a partire dalle 23 del 31 gennaio, fino a cessate esigenze”, squadre di 4 volontari che verranno pagati a forfeit (20 euro ciascuno).
Le tre telefonate
È solo nella notte tra venerdì e sabato, quando comprende che il suo “piano neve” forse non è mai neppure partito, che Alemanno è aggredito dal panico. Alle 20 chiama una prima volta Gabrielli. “Per caso avete delle lame (gli spazzaneve ndr.)?”. Una domanda non solo tardiva, ma inutile, visto che il Dipartimento non ha mezzi propri. Alle 23, una seconda chiamata. “Ho bisogno di 50 tonnellate di sale”. E se possibile, questa nuova richiesta è ancora più surreale della prima, perché su Roma nevica ormai da oltre 12 ore e il sale, lo sa chiunque, va sparso prima che la neve attecchisca sull’asfalto. Intorno alla mezzanotte, l’ultimo grido di chi sta naufragando: “Mi dia l’esercito”, chiede Alemanno a Gabrielli confondendolo con il Prefetto, l’unico per legge autorizzato a far uscire mezzi e uomini dalle caserme.
Il “bollettino” che non c’ é
Il resto è noto. Fino all’ultima mossa. Una nuova ordinanza di chiusura delle scuole per lunedì, basata sul “bollettino meteorologico” dell’Aeronautica militare. Dovrebbe essere lo schiaffo ai meteorologi della Protezione civile. È invece l’ultimo grottesco fotogramma della disfatta. Perché – come confermano alla Protezione civile – non esiste nessun bollettino dell’Aeronautica per lunedì. Ma solo una telefonata del sindaco a un ufficiale di guardia.

, , , , , , ,

Lascia un commento

la neve, Roma e i lamenti di Alemanno

L0 so che tutti parlano della neve e che un altro post su questo può sembrare inutile e noioso, ma proprio non ce la faccio a stare zitto vedendo il disastro che paralizza Roma.

“La protezione civile non mi ha informato adeguatamente” ha detto il Sindaco di Roma, sommerso dalle inevitabili crisi di nervi di cittadini paralizzati dall’abbondante nevicata di ieri e stanotte. “Prevedevano 35 mm e non 35 cm”, ha aggiunto, immemore della sua ordinanza preventiva di chiudere le scuole (anzi no, sospendere le lezioni perché gli istituti dovevano restare aperti, vuoti, con i bambini nelle mani dei bidelli, ma aperti…), cosa di cui si era pure vantato al TG1 ai primi fiocchi, lamentandosi di essere stata o lasciato solo, lui, coraggioso duce di questa città allo sbando.

Adesso piange, lamentandosi (ancora!) e incitando le folle a prendere la pala e spazzare le strade, affiancando i potenti mezzi dell’ATAC, dell’AMA, dei VVFF, della polizia municipale (rivoglio vedere con le pale in mano!!!) e dell’esercito (udite, udite!!), per liberare le stare entro stasera, prima che ghiacci. Allora, vi anticipo la mia opinione: un incompetente del genere è da cacciare via immediatamente, ma andiamo con ordine:

  • E’ vero che il problema è il ghiaccio, ma questo si risolve buttando il sale sulle strade PRIMA della nevicata, perché poi spalando via la neve viene via anche il ghiaccio che si forma sotto, attaccato al manto stradale. Ovviamente poi bisogna cospargere nuovamente le strade di sale per evitare che le basse temperature facciamo il loro effetto naturale sull’acqua della neve.
  • Dove sono i 140 mezzi che dichiarava schierati con verve militare ieri durante l’intervista la TG1? Sono rimasti schierati o sono entrati in funzione?. Si faccia un  giro a Monte Mario o, se ha freddo, guardi le foto che a migliaia sono pubblicate in rete. Non si è visto nessuno e nessuno fa niente. Nessun agente municipale con la pala, soldati in uniforme da guerra o agenti di quella protezione civile a dir suo bugiarda. Non è che si stanno rimpallando le responsabilità impegnandosi in dibattiti surreali mentre la gente non  può circolare, fare la spesa, andare all’ospedale e via dicendo?
  • Sono caduti oltre 100 alberi sotto il peso della neve e migliaia di rami si sono spezzati cadendo sulle macchine parcheggiate, impedendo il transito anche dei pedoni che saltellano vestiti da sci per le strade facendo a palate di neve. E quelli che si sono spezzati e sono ancora attaccati agli alberi? Cadranno sulla testa di qualcuno? Vedremo nelle prossime ore perché ovviamente nessuno fa assolutamente niente.
  • Il Sindaco promette strade libere per domani alle 12:00. Lo vedremo domani, ma assistendo al disastro che imperversa credo che questo pasticcio porterà conseguenze per parecchi giorni.
  • In alcune zone di Roma nord manca l’acqua ed in altre l’elettricità, che con questo freddo sono essenziali per non incorrere in problemi ancora più gravi: un perfetto esempio di gestione moderna della capitale del Paese.

Insomma, godetevi pure lo scenario inusuale del Colosseo imbiancato, scendete in mezzo alla strada ghiacciata a fare a palle di neve con i bambini o semplicemente a sfoggiare il completino da sci ultimo grido che tanto piace, ma non vi meravigliate se qualcuno urla la propria rabbia per questo ennesimo esempio di incivile incompetenza, condita dalla superbia codarda e lamentosa degli incapaci che ci governano.

, , , , , , , , , ,

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: