Articoli con tag CIna

Riflessioni sull’economia mondiale

1E’ pericoloso parlare di economia in questi giorni caratterizzati dall’isteria collettiva e dalla consequente volatilità globale.

La crisi del secondo motore dell’economia mondiale, la Cina che è ancora basata sulla produzione industriale del Paese anche se in graduale apertura incondizionata ai mercati  è sicuramente una cattiva notizia per il mondo che contava sull’imponente volume d’affari, in vertiginosa crescita negli ultimi dieci anni, ma non era inattesa, anche se rivelata a sorpresa dalla clamorosa svalutazione della moneta cinese prima che i dati sulla produzione industriale cinese affossassero i mercati mondiali, dando inizio ad una “correzione” dolorosissima che sembra continuare oramai oltre le due settimane. Pechino oltretutto si sta ancora affacciando alla finanza mondiale e flirta da tempo con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) per un posto nel paniere delle monete di riferimento. In cambio sono state richieste riforme (o “misure correttive” come le ha definite Pechino) per garantire una sempre maggiore liberalizzazione degli scambi finanziari e quando la svalutazione dello yuan è stata annunciata, l’istituto di Christine Lagarde è stato esplicito nelle sue congratulazioni, mentre i mercati si schiantavano per la prima volta l’11 agosto.

Gli Stati Uniti, che crescono addirittura al di la delle previsioni e sono riusciti a portare il tasso di disoccupazione a livelli endemici sul mercato, sono l’unica economia reale in grado di reggere il peso dei mercati mondiali, seguiti a ruota dall’Europa che tuttavia non ha ancora consolidato la sua agognata ripresa dall’ultima crisi. ll problema tuttavia è che il valore della moneta americana non rispetta la situazione reale ed ha un quotazione troppo bassa rispetto a quanto dovrebbe essere per una valuta che rappresenta un’economia florida come quella USA, in un contesto deprimente come quello del resto del pianeta. Si è fatti di tutto per mantenere il dollaro il più basso possibile per rilanciare l’economia, immettendo grandi quantitativi di denaro sul mercato e i progressi sono evidenti, visto lo stato di salute dell’economia USA. Tuttavia, la Federal Reserve ha cautamente ventilato l’intenzione di alzare il tasso d’interesse, per la prima volta da dieci anni, a partire proprio dal mese di Settembre e questo porterà a scoprire le carte per un economia che non potrà più contare sulle facilitazioni della banca centrale: sarà in grado di reggersi da sola?

Anche questo però è un fatto noto: è più di un anno che la FED ne parla, prima come ipotesi, poi come dato di fatto e ancora adesso si dibatte sul quando fare l’intervento dovuto ed io mi auguro che non sia procrastinato troppo. Altro che soldi facili: è così che crescono le bolle speculative e sappiamo tutti i danni che queste comportano. Tuttavia sono molti quelli che strillano le proprie angosce, per paura che l’intervento faccia decrescere ancora il valore delle azioni in un mercato già in grande sofferenza, ma non sono pochi quelli che credono o sperano che questo sia già un ri-aggiustamento del mercato al nuovo valore, anticipando l’aumento dei tassi di settembre o dei mesi successivi, prima della fine del 2015.

La crisi cinese ha toccato il fondo? La FED alzerà i tassi di interesse? Non si possono avere certezze in questo mercato che apre ancora solo per dare spettacolo, visto che le contrattazioni vanno avanti oramai 24 ore al giorno in maniera assolutamente automatizzata. Il dato di fatto è che mondo crescerà molto più lentamente (e forse non è una cosa negativa, per molti aspetti) e l’unica nazione che ha avuto la fortuna di avere una guida lungimirante e ispirata nell’affrontare la Grande Depressione del 2008 sembra destinata a prendere ancora una volta per mano il pianeta. Viste le alternative, mi auguro che lo faccia con decisione e rispetto.

Annunci

, , , , , , ,

1 Commento

Dopo di Obama il diluvio?

1Il dopo Obama sembra sempre più incerto per gli USA. S0no lontani i tempi degli stadi stracolmi di gente per ascoltare i discorsi ispirati dell’allora senatore dell’Illinois che facevano sognare, spingendo al voto le comunità afro-americane e latine e accendendo nuovi entusiasmi tra i giovani.

E’ vero che manca ancora un anno alle elezioni e un nuovo cavallo può ancora presentarsi, ma sarebbe costretto a correre una corsa partendo in ritardo rispetto agli altri contendenti al posto di guida della superpotenza globale. Negli ultimi giorni si parla di Joe Biden, il vice di Obama, l’uomo del trattato con l’Iran e francamente mi auguro vivamente che sia vero, che riescano a convincerlo, visto la tristissima pochezza dei candidati ufficiali in entrambi gli schieramenti.

Diamo uno sguardo, cominciando dai Repubblicani, gli sfidanti, che presentano una truppa variegata e variopinta ai nastri di partenza con 17 pretendenti al titolo. Tra questi, Jeb Bush, l’ennesimo rampollo della dinastia, fratello di quel George W. Bush che tanto imbarazzo provoca ancora oggi per i danni provocati assieme al suo vice Dick Cheney in tutto il mondo e non solo negli USA durante i suoi due disastrosi mandati presidenziali. Jeb parrebbe essere il fratello più intelligente, ma come ha rimarcato un noto commentatore satirico, “si parla di intelligenza in termini della famiglia Bush, quindi niente di che”. Jeb Bush era il Governatore della Florida al tempo dello storico ricalcolo-truffa dei voti di quello stato che portò un giudice ad insediare il fratello George come Presidente per il secondo mandato. Dato per vincente predestinato all’inizio della campagna elettorale, Jeb sta invece miseramente affondando a causa di un carattere apparentemente remissivo e timido, una serie infinita di gaffe (deve essere nel DNA di quella famiglia) e la presenza in campo di Donald Trump: i sondaggi non lo danno più neanche tra i primi tre (per fortuna).

La vera sorpresa è stato appunto Donald Trump, il multimiliardario (per eredità da parte del padre) di New York. Tronfio, spocchioso, aggressivo, razzista, viziato e decisamente scarso anche sugli argomenti più semplici, ha rivelato solo un punto del suo programma: la costruzione di un muro tra gli USA e il Messico per impedire ai messicani di “rubarci il lavoro e stuprare le nostre donne”. Visto il livello di cazzate che il signor Trump riesce ad inanellare ad ogni sua uscita, era dato come immediato perdente, ma lui è troppo ricco e sta investendo una quantità impressionante di denaro sulla sua elezione, al punto da sostenere che se non vincesse le primarie per il Partito Repubblicano, sarebbe pronto a fondarne uno nuovo e correre per conto suo (vi ricorda qualcuno?). Insomma Donald vuole talmente tanto essere il Presidente degli USA al punto di… comprarsi il posto. Dopo aver offeso i messicani trattandoli da ladri e stupratori, è stato il turno delle donne quando rispondendo ad una domanda di una giornalista in diretta televisiva ha detto chiesi vedeva come le uscisse sangue dagli occhi e dalla sua “cosina” e poi i cinesi che dovrebbero essere puniti con l’isolamento per la crisi finanziaria che hanno provocato, i neri che non vogliono lavorare e spacciano droga e via discorrendo. Dopo queste sparate si diceva che nessuno avrebbe votato per lui, tantomeno le categorie/etnie che aveva offeso, ma il potere dei soldi è forte, sopratutto qui negli USA e i sondaggi lo danno saldamente in testa con il 30% delle preferenze, nella pletora di candidati repubblicani. Il termine imbarazzante trova con questo ignobile personaggio nuove definizioni, facendo sembrare George Bush (e il nostro Caimano nazionale) come un genio. L’unico che ne potrebbe trarre ispirazione è forse Salvini, se qualcuno gli spiega cosa dice ed il solo pensiero di aver Donald Trump nella stanza dei bottoni, fa raggelare il sangue.

Chi gli tiene (un po’) testa è Ben Carson, un neurochirurgo afro-americano in pensione, originario della Carolina del Sud che fa della critica al Presidente Obama (in particolare sulla riforma sanitaria, ovviamente) e della sua posizione di outsider anti-establishment i suoi punti di forza. Tra gli altri (che evito di elencare perché sono veramente tanti, tra Cristiani-risorti, neo-conservatori seguaci di Dick Cheney e Sarah Palin, ultra ortodossi e fascisti), vale la pena nominare la signora Carly Fiorina, ex Amministratore Delegato della Hewlett-Packard, che almeno parla bene in pubblico, antagonizzando con Hillary Clinton ad ogni occasione e invocando una maggiore presenza militare americana nel mondo per garantire la sicurezza interna (!).

Dall’altro schieramento, Hillary Clinton, data anche questa volta come sicura vincente dopo la cocente delusione subita con Obama, invece annaspa tra mille scandaletti (roba da niente per noi italiani, come l’aver usato un server privato per mandare le sue mail quando era Segretario di Stato dell’amministrazione Obama, che invece qui prendono seriamente) e non è amata per il suo fare dispotico e il falso sorriso che sfoggia in televisione. Tuttavia, al contrario dei suoi compatrioti repubblicani, parla di cose vere: cambiamento climatico, riforma delle pensioni, politica estera, ecc., spalleggiata dal suo Bill e dalla fondazione Clinton, una vera e propria macchina da guerra che hanno creato per raccogliere i fondi. Tuttavia agli stessi democratici Hillary non piace proprio e tutti i sondaggi la danno testa a testa con la vera sorpresa (finora) della campagna elettorale: Bernie Sanders. Socialista (udite udite! si è definito lui stesso un “socialist Democrat”), senatore della Repubblica, è il paladino della sinistra e vicino alle posizioni di Obama. I suoi punti sono le diseguaglianze (drammatiche) tra ricchi e poveri negli USA, il salario minimo, l’ambiente, i debiti che le famiglie sono costrette a fare per pagare il college ai figli, ecc. Deve combattere contro gli stessi democratici, che alla parola socialismo si irrigidiscono (quasi) come i colleghi repubblicani, ma raccoglie valanghe di consensi nel Nord-Est del Paese (il nodo per lui saranno stati del Sud Ovest), al punto da essere a pari con la Clinton in tutti i sondaggi, con un deciso vantaggio nelle aree metropolitane come New York.  L’incertezza sul candidato che potrà raccogliere la bandiera democratica da Obama, sta però convincendo l’attuale Vice Presidente, Joe Biden a scendere in campo e personalmente mi auguro che lo faccia al più presto perché, anche se Bernie Sanders sarebbe un’altra svolta epocale per gli USA dopo il doppio mandato Obama, temo che si scontrerebbe con i fantasmi del passato maccartista favorendo uno qualsiasi del terribile raggruppamento repubblicano. Joel Biden è l’uomo del trattato con l’Iran sul nucleare e conosce perfettamente l’indirizzo seguito dagli Stati Uniti fino ad oggi e potrebbe dare la necessaria continuità con quanto fatto fino ad oggi dal Presidente Obama.

In questi due mandati, Barack Hussein Obama, ha dimostrato di mantenere la sua parola, facendo riforme considerate impossibili, come quella sanitaria che garantisce a tutti, anche ai totalmente indigenti, le cure del sistema sanitario americano, quella sull’immigrazione, sui salari minimi, sulla parità di diritto per le coppie omosessuali e la riforma di Wall Street. Non è intervenuto in nessun conflitto o generato guerre, ha stretto uno storico accordo con l’Iran sul nucleare ed ha messo fine all’odioso embargo a Cuba. Avere qualcuno che sia capace di continuare in questa direzione sarebbe un bene per l’umanità intera e non sol0 per gli USA.

 

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Signori, la nuova crisi è servita (ovvero: il crack dei mercati spiegato ai non addetti ai lavori)

1Quanto mi da fastidio aver avuto ragione!

Il 12 agosto ho scritto sulla svalutazione della moneta cinese, decisa a tavolino dal Partito Unico e annunciata a sorpresa, con il solo FMI ad applaudire in nome di una libertà di fluttuazione che Pechino non sa neanche cosa sia. Si sentiva una puzza insopportabile, ma i giorni successivi alla batosta subita dai mercati era seguito un timido recupero che mi aveva fato sperare. I miei timori erano invece (purtroppo) fondatissimi: signori ecco a voi il crack del mercato globale.

Sfido qualsiasi economista a spiegarlo. E’ sufficiente il rallentamento (le previsioni per l’economia cinese, ora riviste al ribasso sono pur sempre di una crescita del 7%) della seconda economia più grande al mondo per giustificare il doloroso tracollo che i risparmiatori e gli investitori di tutto ill mondo hanno subìto? E’ forse uno strano segnale di mancanza di fiducia nell’economia USA che tira come un treno, sia in termini di produzione, di consumi che di tasso di disoccupazione, tanto da indurre la FED a rialzare i tassi di interesse entro il 2015? E’ forse il prezzo del petrolio che è ai suoi minimi termini, vista la sovrabbondante offerta sui mercati dopo lo sviluppo del cosiddetto “fracking” (la tecnica di estrazione dell’olio nero dalle rocce, che ha portato gli USA all’indipendenza energetica nonostante l’altissimo prezzo in termini di inquinamento delle falde acquifere in California)? Sono mesi che quelle che Enrico Mattei definì le “sette sorelle” e cioè i produttori di petrolio, in maggioranza statunitensi, strillano contro un dollaro forte mentre il prezzo della materia prima cala, anche a causa delle scelte fatte in passato e non mi stupirei affatto se questi “signori” avessero avuto un ruolo nella catastrofe economica mondiale. Per loro il profitto viene prima di tutto, anche del futuro del pianeta stesso, ma non ci sono prove che l’ondata di panico che ha investito tutti i mercati mondiali possa essere stata spalleggiata da costoro. In ogni caso, anche se l’impressionante tsunami di vendite fosse derivato da una combinazione di tutti questi fattori, (con l’aggiunta della caduta delle economie emergenti – Brasile e India in testa – che si dibattono nella recessione), una crack come quello che stiamo vivendo non potrebbe essere giustificato.

In banca, in California, dove vivo, ripetono il briefing ricevuto dalla sede centrale: sono sei anni che la borsa USA produce profitti, (non come in Italia dove perdere è oramai un esercizio di routine); è quindi un doloroso “aggiustamento del mercato”, alla ricerca di una valutazione delle azioni quotate più aderente alla realtà.  Se così fosse, sarebbe una versione extra-large di un evento ciclico che una volta toccato il fondo riporterà la situazione alla “normalità”, anche se parlare di normalità mi sembra davvero strano, perché tutto quello che sta succedendo non ha proprio niente di normale.

Vorrei tuttavia porre una domanda, dando per vera la spiegazione legata all’aggiustamento dei mercati: visto che tutto parrebbe aver avuto inizio con la politica dirigista della Cina, questo aggiustamento planetario sarebbe quindi successo comunque? Proprio adesso che la FED si appresta(va?) ad alzare i tassi di interesse dopo 10 anni di aiuti all’economia, certificandone ufficialmente l’eccellente stato di salute, il mercato USA crolla come tutti gli altri, che al contrario sono nei guai.  Questo, per quanto posso capire, significa che il mercato USA ha paura dell’azione combinata di un rallentamento globale (vedi Cina) con una drastica diminuzione degli ordini e dei prezzi delle materie prime (petrolio in testa) e l’aumento del prezzo del dollaro annunciato dalla FED. Capite? L’economia va benissimo, la disoccupazione è scesa an un livello considerato quasi endemico nel capitalismo con oltre 3 milioni di nuovi posti di lavoro  creati dall’inizio dell’anno, con stipendi in crescita del 2.4%, il settore immobiliare cresce al 5%, l’economia reale cresce del 2.5% ed il basso prezzo del petrolio dovrebbe portare benefici allo sviluppo industriale e dei servizi (a prescindere dai profili dei Signori dell’Olio Nero), ma il mercato USA crolla (oggi ha perso di nuovo il 3.6%) perché nel mondo le cose non vanno altrettanto bene! Pazzesco.

Ma non abbiamo imparato niente dalle crisi precedenti? Non esistono strumenti finanziari per controbattere gli eventi? Perché la Banca Popolare Cinese non diminuisce le riserve strategiche a cui sono obbligate le banche cinesi, immettendo così nuova abbondante liquidità (di cui la Cina ha un eccesso) e consentendo di investire sul mercato, oltretutto a prezzi oramai molto più bassi?

La triste realtà è che viviamo in una società globalizzata (che fa spesso rima con “sodomizzata”) in cui gli interessi degli USA sono predominanti in ogni settore, ma non sono necessariamente legati all’andamento del Paese, anzi. Le multinazionali americane fanno profitti dappertutto, legate come in una ragnatela globale alle economie locali che, se sono grosse come la Cina, fanno molto male quando cadono. Così basta uno starnuto da qualche parte nel globo che Wall Street soffre, costringendo la gente che non ha alternative per investire i propri risparmi a tifare per sempre maggiori profitti per chi è già ricchissimo, pena la catastrofe finanziaria globale. Così anche il valore del dollaro crolla, nonostante rappresenti l’unica economia mondiale che tira come un treno, e gli investitori non cercano più il biglietto verde come rifugio davanti al baratro, ma preferiscono il traballante euro, caricandolo sempre più e costringendo l’intera Unione Europea ad una competizione impari con prodotti costosi rispetto a quelli a stelle e strisce.

E chissenefrega della gente e dei loro risparmi, ma così il capitalismo (o l’odierna aberrante deviazione dello stesso) muore.

 

, , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

La Cina, gli USA e la ripresa economica mondiale

1Fa rabbia perché accade all’inizio di una ripresa globale dalla grande crisi del 2008.

In Europa le economie più importanti traballano ancora, ma sono chi più e chi meno in ripresa economica, anche se sono tante quelle che soffrono. Atene docet. Per fortuna ha costretto a fare un po’ di pulizia e a tagliare i costi, ma i danni sociali di questa crisi finanziaria saranno calcolabili solo quando si avrà la certezza che sia passata, anche se sono in realtà inestimabili. A partire dalla disoccupazione e dalla povertà che ha generato. Ci vorranno ancora molti anni per tornare a livelli di occupazione decenti e quindi far ripartire davvero l’economia, non solo in Italia, ma in tutta l’Europa.

Negli USA, dopo ho il piacere di vivere, il tasso di disoccupazione, 5% stando ai dati della FED, è a un passo dal traguardo che  gli esperti chiamano “livello endemico” e cioè quasi un rumore di fondo nella piena occupazione. Un miraggio, per noi in Italia. Qui l’economia va a gonfie vele sotto tutti i punti di vista, tanto da far prevedere un rialzo dei tassi d’interesse dal prossimo mese di settembre. In teoria, l’aumento del prezzo del denaro, fermo praticamente a zero da anni, dovrebbe portare ad un aumento del valore della moneta e un dollaro forte non è sicuramente un’agevolazione in un’economia globalizzata, ma è assolutamente necessario per il conto economico dello Stato, visto che l’economia sembra ampiamente risanata. Si aspettano i dati di settembre ed in particolare quelli sull’occupazione e sull’andamento dei salari per poter finalmente effettuare l’aumento dei tassi.

Come gli altri mercati emergenti, la Cina non ha rispettato le attese di crescita sproporzionata che avevano caratterizzato gli anni scorsi, anche se l’economia continua a crescere (quest’anno ci si aspetta una crescita “solo” del 7%), così come il peso specifico della sua economia, la seconda al mondo dopo gli Stati Uniti d’America. Da tempo flirta con il Fondo Monetario Internazionale a cui ha chiesto un posto nel paniere di valute di riferimento, un posto nel salotto buono della banca mondiale. Non c’è da stupirsi: l’abbiamo fatto anche noi con l’euro, peraltro riuscendoci.  Gli viene chiesta una maggiore flessibilità nella libera fluttuazione dello yuan sui mercati e la Cina, improvvisamente svaluta la propria moneta non una, ma due volte (e chissà per quante altre) nei confronti del dollaro. In Cina infatti si opera in una situazione di semi-libertà anche nel campo finanziario e la Banca Popolare Cinese pubblica ogni giorno la forcella di oscillazione consentita al contrario della libera fluttuazione a cui gli altri mercati (USA in testa) fanno riferimento. La svalutazione “a tappe” è stata quindi pianificata e messa in pratica per favorire le esportazioni dei prodotti cinesi, come ufficialmente dichiarato, ma se così fosse se ne dedurrebbe che altre svalutazioni saranno necessarie per avere un benché minimo impatto: altro che il 2% iniziale e il successivo 1.6%! Forse il 10% potrebbe avere un effetto, stando agli esperti in materia. La verità è che con una crescita inferiore a quella spaventosa degli scorsi anni, molte aziende cinesi traballano e un’eventuale perdita massiccia  di posti di lavoro potrebbe generare disordine nella società costruita dal Comitato Centrale del partito unico cinese. Una moneta più debole fa contento il FMI, agevolando la positiva riuscita dell’impegno diplomatico per l’acceso al salotto buono della finanza e aiuta la competitività delle imprese. Ai danni del dollaro USA e della ripresa globale dopo la crisi del 2008 o in aiuto alle potentissime lobby USA (con i pericolosissimi produttori di petrolio in testa, gli stessi che hanno ottenuto la guerra in Iraq) che vorrebbero un biglietto verde più debole per competere meglio e sopratutto per guadagnare sempre di più?

Dagli Stati Uniti strillano per l’intervento a gamba tesa e tutti i media statunitensi, nei ritagli di spazio lasciati dai commenti sulle estenuanti esternazioni quotidiane di Donald Trump, parlano di scorrettezza cinese contro la libera competizione internazionale, anticipando come l’incontro bilaterale del premier cinese con Obama, a settembre, assuma caratteristiche sempre più importanti per il futuro. La sorpresa è stata grande e la reazione immediata dei mercati è stata caratterizzata dal panico, con gli indici di tutto il mondo in profondo rosso. Troppe le implicazioni della doppia svalutazione; dalle materie prime, già deboli per la traballante economia mondiale, al conto economico dello Stato Americano, alla sostanziosa perdita di valore di aziende come Apple, che hanno puntato grosso sulla Cina. La paura di una rinnovata instabilità ha infine colpito anche la valuta USA che, invece di essere sempre più forte, ha perso valore nei confronti dell’euro, visto da molti investitori come temporaneo rifugio, in attesa che la calura estiva lasci il posto a volumi di scambio normali sui mercati e la FED metta in pratica l’annunciato rialzo dei tassi nel mese di settembre.

Nei prossimi giorni le altre puntate, ma si sente distintamente il fetore di una crisi già vissuta, che si credeva passata.

, , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: