Articoli con tag comunicazione

Bersani scrive

bersaniLeggo su Nuovo e Utile, un blog molto interessante, il commento dell’autrice a una mail elettorale di Bersani e non resisto alla tentazione di riportarvene uno stralcio incoraggiandovi a leggervi tutto il post. Condivido pienamente e (qualora qualcuno degli “esperti” di comunicazione del PD volesse prendere qualche lezioncina su come si fanno le cose) invito a guardare come il team di Obama ha raffinato i contenuti della campagna per la raccolta fondi negli USA…

È domenica mattina. Apro la mail e ci trovo un messaggio di Bersani. Beh, mi fa piacere che mi scriva, finalmente. Do una scorsa rapida. Poi, siccome ho un po’ di tempo, comincio a leggere riga per riga. E fra le righe.
Così, mi parte l’embolo della revisione. Qui sotto vedete il risultato.

Cara elettrice, Caro elettore,

(dai, Bers, perché mi chiami “elettrice” in questa maniera così distaccata, come se fossi una sconosciuta-portatrice-di-voto qualsiasi, e non una che ha fatto due volte la fila al gelo per votare   –  e, per inciso, votarti  –  alle primarie, e ha zampettato nella neve per rivotare alle primarie regionali? E poi, benedetto uomo: perché mi metti una maiuscola dopo la virgola? E, qui sotto, di nuovo?)
Con le primarie abbiamo bucato il muro del silenzio
(ehi, è il muro del suono quello che si buca. Il muro del silenzio, di solito, si rompe: bucarlo non basta. Ma nelle metafore, si sa, ti capita di inciampare. Tranquillo: ti voglio bene lo stesso.)
che per anni aveva circondato le nostre iniziative.
(… quali anni? Quale muro del silenzio? Quali iniziative? Non capisco: mi stai dicendo che le primarie sono state un’ideona mediatica che ha procurato un sacco di share e non, come credevo, un grande, moderno, entusiasmante, vincente esperimento di democrazia partecipata? E mi stai dicendo che, prima delle primarie, nessuno ti si filava? Tu, il segretario del primo partito del paese? … su, dai, non fare così).

(…)

Per il bene del Paese abbiamo sostenuto un governo di transizione. Lo abbiamo fatto lealmente e con trasparenza, anche se non tutto ciò che è stato fatto ci è piaciuto.
(ecco. Se tagliavi tutto il primo paragrafo e cominciavi da qui era meglio. Magari, guadagnando un paio di righe potevi perfino  spiegare che cosa intendi  dire scrivendo “non tutto ciò”.)
Sappiamo bene, perché noi democratici viviamo in mezzo alla realtà comune dei nostri concittadini, quale sia oggi la sofferenza, il disagio, la sfiducia.
(… “quali siano”: sono tre cose, il verbo va al plurale. E che vuol dire “viviamo in mezzo alla realtà comune”? Esiste una “realtà non comune”? E, accidenti, perché non usi verbi forti invece che blandi nomi, una volta tanto? Non un generico “c’è sofferenza”, ma: i cittadini soffrono. Temono il futuro. Sono sfiduciati. E – non dimentichiamolo – infuriati).
Conosciamo la realtà e non la nascondiamo dietro rappresentazioni di comodo. Ma conosciamo anche le energie positive che l’Italia può mobilitare per una riscossa.
(Bers, Bers, sempre a prendere le distanze e a mandare avanti i concetti astratti: l’eco di Bandiera rossami intenerisce, ma ammetterai che non è un gran guadagno passare da “avanti popolo” a “energie positive” che l’Italia può mobilitare per la “riscossa”: di nuovo, dalla concretezza sanguigna del popolo all’astrattezza delle energie.  E no, accidenti, non “l’Italia”! Sei tu che le mobiliti. Forse, magari. Se ti concentri un po’.)

(…)

Il 24 e 25 febbraio ci sarà la sfida alla quale ci stiamo preparando da tempo. La tua iniziativa personale
(Ma che iniziativa “personale”? Una campagna elettorale è un grande, entusiasmante sforzo collettivo a cui ciascuno contribuisce. E proprio a te devo ricordarlo? Insomma: prima ci voleva un “tu”. Qui invece ci vuole un grande, ecumenico, emozionante “noi”)
sarà il valore aggiunto
(che cosa c’entra questa gelida terminologia economicistica, “valore aggiunto” – sinonimo: plusvalore?)
che potremo portare nei giorni finali
(ah, vabbe’, nei giorni finali. Posso starmene a dormire ancora per un paio di settimane.)
della campagna elettorale.

Vediamo se riusciamo a perdere anche in queste cruciali elezioni, vista la “gioiosa macchina da guerra” del PD….

Annunci

, , , , ,

2 commenti

Grillo vola sotto l’ombrellone

L’estate, intorno al 15 agosto è diversa. Sotto gli ombrelloni (chi è riuscito ad andarci) non si seguono i talk show (anche perchè sono in vacanza anche loro) e  quotidiani sportivi sono quelli più diffusi tra gli italiani. Tuttavia la diffusione dei tablet e degli smart phones, fa si che internet sia sempre accanto a noi e ecco che si verifica un fenomeno del tutto nuovo, come riportato oggi da Termometro Politico sulla base dei dati di un sondaggio effettuato dalla IPSOS su le preferenze di voto degli italiani.

Indovinate un po’… il Movimento raccoglierebbe il 21.7% delle preferenze nazionali, secondo solo al PD con il 24.8% e sopra il PDL che raccoglierebbe il 18.9%. Gli altri in ordine sparso: con l’IdV oltre il 7%, l’UDC d(e)i Casini al 6.9%, il SEL al 5.9% e la Lega poco sopra il 4%.

Mi torna quindi in mente un famoso intervento sull’argomento di Marco Travaglio ad Anno Zero che vi ripropongo a seguire

, , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

il mondo “buono” attraverso le telecamere

Un mirabile esempio di marketing 3.0 della Coca Cola. Di solito non mi “scaldo” di fronte alle attività corporate, ma questa nouvelle vague del marketing 3.0, vicino al sociale, attento alla gente, mi piace davvero

, , , , ,

2 commenti

la RAI oscura i referendum

Mi arriva dalla rete questo messaggio da parte di una ricercatrice (ho controllato sulla rete… ) che pubblico molto volentieri:

Ciao a tutti,
confermo la necessità di questo passaparola, aggiungendo che si tratta di informazione per ri-affermare i diritti costituzionalmente garantiti . Il dramma è che sembra la maggior parte della popolazione non sia consapevole di quanto sta avvenendo.
Quello che Vi porto è solo un piccolo esempio. Sono una ricercatrice, mi occupo di diritto ambientale e di risorse idriche. Ieri mattina dovevo intervenire ad un programma RADIO RAI (programmato ormai da due settimane) per parlare del referendum sulla privatizzazione dell’acqua e chiarirne meglio le implicazioni giuridiche.
E’ arrivata una circolare interna RAI alle 8 di ieri mattina che ha vietato con effetti immediati a qualunque programma della RAI di toccare l’argomento fino a giugno (12-13 giugno quando si terrà il referendum), quindi il programma è saltato e il mio intervento pure.
Questo è un piccolo esempio delle modalità con cui “il servizio pubblico” viene messo a tacere e di come si boicotti pesantemente la possibilità dei cittadini di essere informati e di intervenire (secondo gli strumenti garantiti dalla Costituzione) nella gestione della res publica. Di fronte a questa ennesima manifestazione di un potere esecutivo assoluto che calpesta non solo quotidianamente le altre istituzioni, ma anche il popolo italiano di cui invece si fregia di esser voce ed espressione, occorre  riappropriarci della nostra voce prima di perderla definitivamente.
Il referendum è evidentemente anche questo!
Mariachiara Alberton

E’ oramai chiaro che il referendum lo dobbiamo pubblicizzare noi tutti perchè il Governo non farà passare gli spot ne’ in Rai ne’ a Mediaset.
Sapete perché ? Perché nel caso in cui riuscissimo a raggiungere il quorum lo scenario sarebbe drammatico per i governanti ma stupendo per tutti i cittadini italiani. Il referendum non sarà  pubblicizzato in TV, così i cittadini, non sapranno nemmeno che ci sarà un referendum da votare il 12 giugno e non andranno a votare il referendum, mentre è necessario che si rechino alle urne almeno 25 milioni di persone perchè si raggiunga il quorum.
Passaparola!

, , ,

2 commenti

ecco perchè è morto Arrigoni

In questo video trasmesso qualche tempo  fa da “Presa Diretta” del TG3, ci sono i motivi per cui Vittorio Arrigoni è morto.

Pubblicando questo video non voglio giudicare, ma solo proporre una testimonianza per rendere chiaro a tutti cosa faceva Vittorio a Gaza. Al di la della crudeltà che permea lo stallo in cui versa il processo di pace tra Israele e Palestina, riportare le notizie a rischio della propria vita è un atto non solo di coraggio, ma anche di passione democratica, degno del più profondo rispetto di tutti.

We will stay Human, Vik

, , , , , , ,

2 commenti

Free Hugs – abbracci gratuiti

, , ,

Lascia un commento

la figlia del Che contro l’embargo

Ecco l’appello di Aleida Guevara, figlia del “Che“perchè l’embargo imposto dagli USA 48 ammi fa a Cuba, sia finalmente abolito. Un desiderio per il 2011? Eccone uno che condivido pienamente:

“Noi non chiediamo niente in cambio di ciò che facciamo. Abbiamo ricevuto molta solidarietà da parte del popolo italiano. Forse uno dei movimenti più forti di solidarietà con Cuba è proprio quello Italiano. Il punto è far conoscere a tutti la realtà che viviamo. Sfortunatamente l’informazione è molto carente e raggiunge la gente in modo profondamente distorto. Per questo è molto importante che si sappia che noi potremmo fare molto di più, potremmo essere ancor più solidali se ci togliessero l’embargo economico.
Il modo in cui il popolo cubano sta resistendo a un embargo brutale da oltre 48 anni è unico nella Storia dell’umanità. Si parla dell’embargo, ma non si sa come si vive a causa dell’embargo. Un semplice esempio relativo a un gruppo di bambini cubani affetti da leucemia. Attraverso un’organizzazione di solidarietà svizzera di nome “mediCuba“, riesce ad ottenere la materia prima e produce i farmaci citostatici. Possiamo sintetizzarli. Tuttavia non disponiamo dei medicinali per contrastare gli effetti secondari dei citostatici. Per molto tempo abbiamo avuto bambini leucemici che vomitavano venti volte al giorno perché non potevamo somministrare loro il farmaco richiesto. Questo è solo uno degli effetti dell’embargo. Il farmaco in questione è un brevetto statunitense. L’Europa può sintetizzarlo, ogni impresa farmaceutica può produrlo in Europa, ma non ce lo può vendere. Se un’impresa ce lo vende, gli Stati Uniti impongono sanzioni: ritira il capitale americano eventualmente investito o vieta l’esportazione dei prodotti dell’azienda verso il mercato statunitense. Si tratta di una lotta impari dal momento che a Cuba siamo solo 11 milioni, mentre negli Stati Uniti vi sono 400 milioni di potenziali clienti.
Il problema è che abbiamo una forte necessità di reperire i farmaci e disponiamo del denaro per comprarli, non stiamo elemosinando niente. Stiamo chiedendo il diritto ad acquistare farmaci come qualsiasi altro Paese del mondo. Questo ci viene impedito dall’embargo per ogni risvolto della nostra economia. Immaginate se riusciamo a prestare servizi sanitari a quanti lo necessitano nonostante l’embargo, quanto potremmo fare di più senza l’embargo. La questione è semplicemente questa: un’informazione adeguata alle persone nel mondo perché portino la loro solidarietà a Cuba e esercitino pressione sul governo statunitense affinché sia eliminato questo embargo criminale.”

, , , , ,

2 commenti

Se Gesù nascesse oggi…

, , ,

Lascia un commento

Juian Assange è l’uomo dell’anno

Ha ragione Time Magazine che, come sembra, dedicherà a Julian Assange la copertina di inizio anno che, dal 1927, tradizionalmente elegge l’Uomo dell’Anno per il prestigioso news magazine americano (unica eccezione fu nel 1999 quando la copertina fu dedicata ad Albert Einstein, eletto Uomo del Secolo) . Infatti Julian Assange è certamente una di quelle persone che cambiano le cose nel mondo: il suo Wikileaks ha fatto tremare la società internazionale, convinta dell’inviolabilità del proprio sistema di comunicazione interna e della maniera decadente di intessere relazioni tra le nazioni. Wikileaks ha dimostrato invece la capacità di penetrazione, che arriva a sconsacrare altari mai violati come quello della diplomazia, grazie ad internet e alle tecnologie informatiche.

Per la prima volta l’umanità ha a disposizione una coscienza collettiva, a cui possiamo partecipare o meno, a seconda della nostra volontà, senza obblighi, ma che offre opportunità di accesso alle informazioni, qualsiasi, di ogni genere e di ogni tempo, dando al mondo un accesso mai sperimentato prima alla conoscenza collettiva. Partiamo da questo: Julian Assange ha dato quanto meno la prova di come il web 2.0 sia libero e (non ancora ) soggetto a censure, ed abbia la possibilità di usare la collettività per accedere ad informazioni, anche quelle più riservate.

Non è un caso che, quando si è volontariamente consegnato a Scotland Yard, ieri, dopo essere diventato l’uomo più ricercato del mondo, abbia dichiarato: “E’ un messa in scena politica. Io difendo la libertà, perchè voglio la verità e combatto le falsità dei governi”. I suoi sostenitori, intanto, non si fermano: l’arresto di Assange è un “attacco contro la libertà di stampa e non modificherà i piani per la diffusioni di nuovi documenti”, ha immediatamente commentato il portavoce di WikiLeaks Kristinn Hrafnsson. E mentre un network di hacker ha organizzato un attacco informatico contro PayPal e Postfinance, che hanno bloccato i finanziamenti al sito, prolificano i “manifesti” dei vari gruppi, e alcuni hanno messo online un programma pirata per poter lanciare DDos attack condivisi in ogni luogo del mondo. Dopo Paypal, anche Mastercard e il Il gruppo bancario Visa hanno smesso di accettare transazioni con Wikileaks ed uno dei suoi più importanti donatori, la fondazione Wau Holland, che ha raccolto e trasferito al sito di Julian Assange 750mila euro, ha ricevuto un secondo avviso dal fisco tedesco a presentare la denuncia dei redditi del 2009.

La storia della violenza carnale poi fa acqua da tutte le parti: le due accusatrici avrebbero parlato di “un incidente non consensuale in cui Assange avrebbe fatto sesso con loro senza usare il preservativo”. Da qui l’accusa di stupro. Non ci sono infatti, per ora, altri capi di accusa nei confronti di Julian Assange. In America, Dianne Feinstein, senatrice democratica e presidente del Senate Intelligence Committee statunitense, incalza, sostenendo che quello che Assange ha violato è l'”Espionage Act” del 1917, che definisce delitto grave per un soggetto non autorizzato il possedere o trasmettere “informazioni correlate alla difesa nazionale che il possessore abbia ragione di credere potrebbero essere usate contro gli Stati Uniti o a vantaggio di nazioni straniere”. Per questo: è meglio essere processati in Svezia… mentre il mondo assiste alla dura reazione del sistema all’oltraggio subìto.

Alla prossima puntata, ma io faccio il tifo…

, , , , ,

1 Commento

10 regole per manipolare l’informazione

Riprendo da Libertiamo, le 10 regole che Naom Chomski, il guru dell’antimperialismo americano non perchè siano assiomi, ma perchè mi ricordano tanto quanto succede qui in Italia, giudicate voi:

  1. La “strategia della distrazione: consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche, attraverso la tecnica del diluvio o inondazioni di continue distrazioni e di informazioni insignificanti. E’ anche indispensabile per impedire al pubblico d’interessarsi alle conoscenze essenziali, nell’area della scienza, dell’economia, della psicologia.
  2. Il “falso problema/risposta demagogica”: Si crea un problema, una ‘situazione’ prevista per causare una certa reazione da parte del pubblico, con lo scopo che sia questo il mandante delle misure che si desidera far accettare. Ad esempio si possono lasciar dilagar la violenza urbana e i disordini sociali, oppure creare una crisi economica per far accettare come un male necessario la retrocessione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.
  3. La gradualità delle soluzioni politiche: per far accettare una misura inaccettabile basta applicarla gradualmente, col contagocce, per anni consecutivi. E’ in questo modo che condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte durante i decenni degli anni ‘80 e ‘90: Stato minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero state applicate in una sola volta.
  4. Lo spostamento nel tempo: Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria”, questo dà più tempo al pubblico per abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo rassegnato quando arriva il momento».
  5. Comunicare ai cittadini come fossero bambini: la maggior parte della pubblicità diretta al gran pubblico usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, molte volte vicino alla debolezza, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente mentale. Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, questa tenderà, con una certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico: come quella di una persona di 12 anni o meno.
  6. La “patemica”: sfruttare l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo. Inoltre, l’uso del registro emotivo permette di aprire la porta d’accesso all’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o indurre comportamenti.
  7. Progettazione e gestione di un’ignoranza diffusa: la qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza creata dall’ignoranza tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da colmare da parte delle inferiori.
  8. Convincere il pubblico mediatico che è di moda essere stupidi, volgari e ignoranti e che questi sono valori positivi e condivisibili.
  9. Creare il “senso di colpa”: far credere all’individuo che è soltanto lui il colpevole della sua disgrazia, per causa della sua insufficiente intelligenza, delle sue capacità o dei suoi sforzi. Così, invece di ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto-svaluta e s’incolpa, cosa che crea a sua volta uno stato depressivo, uno dei cui effetti è l’inibizione della sua azione. E senza azione non c’è ribaltamento né rivoluzione, non c’è nessuna possibilità di cambiamento in senso democratico
  10. Il “doppio binario della conoscenza scientifica”: il vero potere consiste nel conoscere compiutamente i predicati psicobiologici del pubblico (mediante gli assoluti progressi della biologia, della neurobiologia e della psicologia applicata), e poter confidare sul fatto che i cittadini (scientificamente analfabeti) non siano in grado di conoscere sé stessi.

 

,

1 Commento

Balla con Grillo

“Ma che stiamo facendo?” ha detto Beppe Grillo dal palco della sua Woodstock di fronte a decine di migliaia di persone. Immagino che il tono fosse retorico, compiaciuto per il successo popolare della manifestazione e del movimento che ha creato, ma mi piacerebbe andare in profondità su quella domanda pleonastica.

Personalmente sono in quasi totale accordo sui contenuti del movimento Cinque Stelle. La necessità di organizzare quella maggioranza dell’Italia che non vota, che non si riconosce più nella capacità innovatrice o semplicemente di gestione della cosa pubblica da parte dei partiti tradizionali (che cambino o no veste non conta…) è essenziale per cercare di dare una svolta al nostro Paese. Le riforme che sono elencate nel programma (visibile a tutti nel sito di Grillo) sono nella stragrande maggioranza ovvie, giuste ed auspicabili ed anche la decisione di non schierarsi a destra o a sinistra (nonostante il tentativo di Grillo di iscriversi al PD e concorrere alle primarie) è condivisibile stando alle premesse “super partes” di cercare di riportare l’Italia sulla via di uno sviluppo equo, sostenibile per tutti.

Non sono tuttavia affatto in accordo sui metodi che Grillo usa. La sua immagine di comico (anzi direi di giullare di corte, inteso nella versione nobile che Dario Fo ha dato alla parola) deve essere offuscata se vuole raggiungere la gente in numeri necessari per poter effettivamente cambiare le cose. Chi non arriva alla fine del mese ha bisogno di fidarsi nella leadership di un movimento che vuole cambiare le cose, per non affidarsi ancora una volta a che usa le parole per affabulare il prossimo. La kermesse che ha organizzato, tra canti, balli ed estemporaneità attrae inevitabilmente i ragazzi e parte di quelli che hanno vissuto il sogno di cambiare il mondo negli anni ’60-’70, ma non credo riesca a toccare chi vive la violenza di questa “fine-crisi”, quelli che hanno perso il lavoro, quelli che sopravvivono a stento ogni mese e tanto meno gli imprenditori che lottano per non chiudere l’impresa, gli anziani e tutta quella classe media che ha votato Berlusconi perchè potesse cambiare l’Italia e oggi si trova sgomenta ad assistere alla caduta del Re Sole. E’ proprio questa la posta che Grillo deve considerare.

“Non siamo più il popolo del Vaffa Day” ha detto dal palco “Adesso esistiamo davvero”; e allora mi auguro che cominci a pensare in termini strategici per cambiare davvero le cose senza scadere nel bieco populismo (di cui io francamente non mi fido affatto) peronista. Come quando inneggia alla distruzione di tutti i partiti: cosa propone come alternativa? Chi può credere nello smantellamento di un sistema senza la proposizione di alternative solide e condivise dalla maggioranza del Paese? Non è questo il cardine di una la democrazia di cui si dice innamorato? “Non la penso come te, ma lotterò fino alla morte perchè tu abbia il diritto di dire quello che pensi” dissero i padri del sistema democratico e personalmente credo che questa sia la strada maestra su cui muoversi ancora oggi, sfidando, smascherando, umiliando il potere attuale con la forza delle idee e dei fatti e non impedendogli di parlare, come hanno fatto i suoi con Schifani qualche giorno fa.

I partiti non vanno distrutti, vanno sfidati dall’interno, seguendoli nella stessa radice della loro natura: la gente. Questo Grillo lo può fare, visto il seguito che ha e quello che potenzialmente può ancora raccogliere in questa melma che avvolge la Seconda Repubblica, ma deve accettare di giocare la stessa partita, senza cadere nella tentazione di sbeffeggiare tipica del giullare di corte o insultare gli avversari come fanno i populisti alla Bossi.

Un’ultima considerazione: è vero che in Italia sembra che piaccia la persona forte e che la politica ricalchi la società in cui opera. Ne abbiamo esempi storici come il Partito Fascista di Mussolini, il PSI di Craxi ed oggi Berlusconi, Fini, Casini, Bossi, Di Pietro che creano movimenti a loro immagine e somiglianza, che non prendono linfa ed esistono solo perchè esiste il loro leader, a prescindere da ideologie (che forse non esistono più) o da obiettivi che trascendono la personalità che li guida al momento. Si può pensare ad un PDL senza Berlusconi, o una Lega senza Bossi? Forse, ma molto probabilmente no. Secondo me, Grillo farebbe molto bene ad evitare di fare altrettanto e dare al movimento un’identità duratura che non sia centrata sulla sua personalità e sulle sue geniali intuizioni.

, , , ,

5 commenti

UNA STRANA CONCEZIONE DI DEMOCRAZIA

Caro Ministro Bondi,

la sua scelta di non andare a Cannes non credo sarebbe diventata un argomento di discussione se non fosse stata motivata dalla presenza in concorso di Draquila, il film di Sabina Guzzanti. Il suo “gran rifiuto” è invece passato alla cronaca politica come un ulteriore esempio di intransigenza verso il dissenso, in perfetta linea con i passati tentativi di censura più o meno espliciti e più o meno riusciti nei confronti di chiunque dimostrasse di non accettare un appiattimento sulla linea del governo: tette, culi ed arroganza. Guai a parlar di mafia, camorra o simili, peggio ancora svelare intrighi o malaffare perchè non fa buona pubblicità: un atteggiamento da Minculpop, una strana concezione di democrazia che ha fatto chiedere al rappresentante di Sarkozy (!)  perchè il PDL si chiami Popolo “della Libertà“.

Da dissidente, mi rallegro delle sue scelte da regime perchè mi confermano la giustezza della causa a lei avversa, da italiano me ne rammarico per l’imbarazzo che porta, ancora una volta, alle nostre istituzioni nel mondo e da comunicatore mi rendo conto dell’incommensurabile vantaggio che porta alla campagna promozionale del film. Credo che la sua scelta sia un esempio della qualità della classe politica che ci governa.

, , , ,

Lascia un commento

IL PD ALZA I TONI?

Dalema inaugura una nuova stagione del PD o ha semplicemente perso le staffe di fronte all’ennesima provocazione portata dai guastatori de Il Giornale, di Vittorio Feltri e Paolo Berlusconi?

Dalema non è un politico di primo pelo, dovrebbe aver imparato a trattare con i provocatori di professione, anche in ambiti di maggior peso specifico rispetto alla trasmissione televisiva e con interlocutori di spessore diverso rispetto al buon Sallusti. Eppure…

Noto tuttavia una coincidenza con la reazione di Bersani in un’altra trasmissione televisiva, Annozero, di fronte all’ironia velenosa di Travaglio:

Gli episodi forse non sono collegabili, ma non si può non vedere che anche se non ci sono gli insulti, i toni usati da Bersani sono decisamente più duri di quelli a cui eravamo abituati. Forse è una mia inconscia speranza che il cambiamento sia dettato da una strategia di comunicazione, dettata dalla necessità di reagire alla perdita di “radicamento” del PD con il popolo che non si identifica con Berlusconi. Alzare i toni in televisione per reagire alla marginalizzazione può essere una scelta interessante nella strategia comunicativa, anche in considerazione del fallimento ottenuto fino ad oggi da quelle precedenti.

Time will tell…

, , , , ,

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: