Articoli con tag Falcone

ed ecco l’allarme terrorismo…

Adesso arriva l’allarme.

Dopo “una fase anche se breve di minore attivismo, stanno facendo un salto di qualità” e c’e’ da aspettarsi “una graduale ripresa dell’offensiva delle sigle Fai con attacchi a obiettivi indicati nei recenti documenti” ha dichiarato il generale Giorgio Piccirillo, direttore dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna (AISI), in un’audizione in Commissione affari costituzionali alla Camera. “I circuiti di ispirazione brigatista hanno salutato con favore” l’agguato a Adinolfi, ha sottolineato il direttore dell’Aisi: “Velleitari progetti di abbattere il sistema continuano ad animare esigui settori del marxismo leninismo rivoluzionario e le dichiarazioni rese nel corso del processo dai brigatisti arrestati nel 2007 dimostrano quale partecipazione ci sia ancora dal punto di vista ideologico”.

Sempre oggi, a margine delle celebrazioni commemorative di Falcone e Borsellino, il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano ha dichiarato: “che la criminalità organizzata possa oggi anche tentare feroci ritorni alla violenza di stampo stragista e terroristico, non possiamo escluderlo. La mafia, Cosa Nostra e le altre espressioni della criminalità organizzata rimangono ancora un problema grave della società italiana, e dunque della democrazia italiana”.

E’ un po’ che lo scrivo sia per il neo-brigatismo del FAI sia per lo strano attentato di Brindisi e dopo le autorevoli conferme giunte oggi, continuo a ripeterlo: in questo contingenza finanziaria che forza il Paese a fare scelte importanti per il proprio futuro, una strategia della tensione può far gioco solo a chi vuol far passare leggi impopolari o “speciali”.

Mi tornano in mente le 10 strategie della manipolazione delle masse esposte da Noam Chomski, specie la 2 (Si crea un problema, una ‘situazione’ prevista per causare una certa reazione da parte del pubblico, con lo scopo che sia questo il mandante delle misure che si desidera far accettare. Ad esempio si possono lasciar dilagar la violenza urbana e i disordini sociali, oppure creare una crisi economica per far accettare come un male necessario la retrocessione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici) e la 4 (Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria”, questo dà più tempo al pubblico per abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo rassegnato quando arriva il momento): occhi aperti, tutti quanti, please!

Annunci

, , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Resto con Fazio e Saviano

Ho assistito stasera ad una grande prova di comunicazione televisiva. Fazio e Saviano, hanno saputo toccare le corde di quell’Italia che non si sente rappresentata da chi governa, che crede in questo Paese ed è pronto a rimboccarsi le maniche per fare qualcosa, come Giovanni Falcone. Ho sentito parlare chiaramente di un paese governato da mafia e camorra fino a che Benigni ha regalato risate, calando le braghe al potere ed emozioni profonde parlando con i camorristi che hanno promesso la morte a Saviano

“…non lo capite? non avete bisogno della pistola davanti alla penna, perchè la penna ti da l’immortalità. Come diceva Sergio Leone: quando un uomo con la pistola incontra un uomo con la penna, l’uomo con la pistola è morto”

e riprendendo Berlusconi che aveva biasimato chi scrive di mafia:

“Come fa a dire queste cose! Non si possono sentire. Sono proprio loro che dobbiamo difendere, perchè con la penna fanno come nelle fiabe, e le fiabe non sono cattive. Non dicono ai bambini che il drago c’è perchè lo sanno già i bambini, gli dicono come si fa a sconfiggerlo. Cosi fanno questi scrittori: non ci dicono che la mafia e la camorra esistono perchè lo sappiamo tutti, ma ci fanno capire che si può vincere”.

Poi ho visto Saviano fare un inno al sentimento nazionale, spiegando quanto sia importante un’Italia unita e sopratutto dei giovani che si sentano italiani. Lo diceva da meridionale, senza recriminare sullo scippo di civiltà che da allora si ripete nei confronti della gente del Sud, ma esaltando i martiri calabresi e tutti i ragazzi della Giovine Italia repubblicana. E’ stata una ventata di aria fresca, nei miasmi dell’ottusità della secessione strisciante leghista e spero che lo abbiano visto tanti giovani.

Grazie a Fazio, Saviano, al grandioso Benigni, a Vendola e Abbado. Non mi succedeva da tanto, troppo tempo, ma stasera mi sono sentito orgoglioso di essere italiano. Se lo chiedete a me: io resto

, , , , ,

5 commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: