Articoli con tag finanza

La triste storia di Jo Cox dopo il Brexit

BrexitChe tristezza ripensare a Jo Cox e il suo inutile sacrificio in nome di un’anacronistico isolazionismo. A leggere i fatti dopo il Brexit, non si può che notare come lo psicopatico ultra-nazionalista che le ha sparato in mezzo alla strada, in un Paese in cui nemmeno i poliziotti sono armati, fosse un drammatico campanello d’allarme di quanto si stava compiendo. I tabloid e i media spazzatura (televisioni incluse) che proliferano così bene nel Regno Unito davano da troppo tempo spazio e sostegno agli istinti razzisti e xenofobi della popolazione più povera dei territori del Nord dell’Inghilterra, forti del sostegno reale e dei Lord. Il potere diretto ed occulto di condizionamento della svolta populista ha alimentato odio ed esclusione  fino al punto si segnare il destino stesso del Regno.

I giovani, abituati alla prepotenza dei mezzi di comunicazione tanto da eleggere internet come mezzo principale (e spesso unico) di informazione hanno votato in stragrande maggioranza (75%) di restare in Europa, rifiutando la propaganda populista e conservatrice, ma le generazioni successive li hanno obbligati ad uscire dall’Europa dopo 40 anni di lavori di integrazione comunitaria. Un ragazzo, apparentemente sui 30 anni, intervistato dal Guardian ha sintetizzato così: ” Com’è mai possibile che un 90enne  abbia maggior peso di un giovane sulle scelte che decideranno il futuro? Noi siamo Europei, cittadini di un mondo senza più frontiere e non ci riconosciamo nell’isolamento in cui ci hanno relegato”.

Così la pensa anche la Scozia e anche l’Irlanda del Nord, che minacciano un referendum per staccarsi dal Regno Unito, chiedendo a Bruxelles di restare nella comunità europea, visto che così ha votato la stragrande maggioranza dei loro cittadini.

Che tristezza anche il sempre crescente numero (oltre i 3 milioni secondo gli ultimi rilevamenti) di firme che chiedono di ripetere il referendum, sulla base del ristretto margine  con cui è stato scelto il Brexit in base ai dati di affluenza alle urne per una decisione tanto importante. “E’ la democrazia, baby”, si potrebbe rispondere. Oramai è troppo tardi (credo) a meno di clamorose sconfessioni di quello che si vanta di essere il sistema democratico migliore al mondo. La volontà di una seconda opportunità di votare fa indubbiamente tenerezza, ma suscita anche parecchia apprensione per il pericolosissimo precedente che costituirebbe, colpendo al cuore la credibilità stessa delle consultazioni popolari future.

Tuttavia, se la metà dei cittadini di Sua Maestà piange sul latte versato e si dilania per capire come è stato possibile quanto è successo, c’è anche un’altra metà della popolazione che invece celebra il giorno dell’indipendenza (curioso il parallelo con quello degli USA che fu, appunto, indipendenza dal Regno Unito) e spocchiosamente se la prende comoda nel togliere il disturbo, interessata, come sempre,  a trarre il massimo vantaggio a scapito di tutto e di tutti i cittadini dell’Unione Europea e delle conseguenze che il Brexit avrà su di loro. C’è chi fa notare, credo a ragione alla luce dei risultati, che gli inglesi non sino mai stati europeisti convinti, non sono mai entrati nella moneta unica ed hanno sempre visto (quantomeno dalla signora Thatcher in poi) l’Unione come un’opportunità per fare affari, piazzando prodotti e servizi.

Non sarà un divorzio consensuale ha tuonato la presidenza europea, echeggiando i commenti tedeschi, facendo scattare tutti i meccanismi per contrastare i piani britannici, consci degli effetti recessivi che il Brexit porterà in eredità alla stitica economia comunitaria, ma anche colpiti dal tradimento del governo Cameron, che aveva incassato parecchi favori nel piano concordato con i leader europei proprio per scongiurare l’uscita del Regno Unito. Per noi europei sarà duro sostenere la fragilissima ripresa economica dopo tanti anni di crisi e dovremo lottare per tornare in recessione. Gli inglesi la pagheranno duramente su tanti fronti, compresa la coscienza ed il relativo consenso popolare e i confini interni, oltre all’effetto deprimente sull’economia reale e sulla credibilità finanziaria a livello globale.

I media cancellano Jo Cox dopo aver contribuito ad ucciderla e gli esperti di comunicazione cominciano ad analizzare il potere di condizionamento che hanno dimostrato di avere sulla popolazione britannica, specialmente quella più povera e meno educata. I giovani inglesi che non avevano scelto di entrare in Europa e non hanno neanche scelto di uscirne, urlano la loro rabbia e la loro frustrazione e raccolgono forme ex-post, la Scozia batte i pugni sul tavolo buono e i banchieri chiudono i forzieri.

Sarà pure la democrazia, ma è anche il sintomo pericolosissimo della decadenza in cui versa la nostra società post-industriale, che sempre più somiglia a quella del Big Brother della letteratura inglese.

, , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

La FED alimenta la paura sui mercati

1Non posso esimermi da scrivere un altro articolo sull’economia (o forse dovrei parlare di finanza?) dopo la decisione della FED, la Banca centrale USA, di non alzare i tassi di interesse che negli Stati Uniti d’America  sono praticamente a zero (0-0,25) da quasi 10 anni, da quando la misura fu introdotto per contrastare la Grande Crisi del 2008.

Fornire denaro “fresco” al mercato per allentare la morsa del declino finanziario è una forma di droga che viene fornita ogni giorno agli operatori e alle banche e, nonostante il contrasto degli integralisti, è una misura ampiamente adottata (si veda, solo a titolo di esempio, il Quantitative Easing che la Banca Centrale Europea ha annunciato continuerà fornire al mercato europeo che ancora si dibatte nella via di uscita dalla crisi) e che, stando ai risultati dell’economia reale (disoccupazione, crescita delle imprese, aumento dei salari, ecc.) qui negli USA ha funzionato benissimo, riportando il Paese a livelli pre-crisi oramai conclamati.

Eppure la FED ha deciso di rimandare ancora una volta, nonostante la signora Yellen annunci un rialzo dei tassi di interesse da anni oramai. Perché? Vediamo punto per punto in maniera da cercare di trarne qualche conclusione:

  1. l’ulteriore procrastinare della FED ha lanciato un messaggio preoccupante ai mercati mondiali (e non solo quello USA) sullo stato di salute degli Stati Uniti, tanto da necessitare ancora un po’ di “droga”, come quando si dibatteva nella morsa della crisi. In un momento di grande preoccupazione per l’economia mondiale, con il tracollo delle economie emergenti, compresa la Cina che ha “tirato il carretto” negli ultimi 10 anni mentre il mondo occidentale annaspava, questo certamente peggiora ulteriormente le cose. Guardate la volatilità sui mercati! Una maggiore incertezza significa minore crescita. Un aumento dello 0,25% (come era stato preventivato) non sarebbe stato molto e avrebbe calmato l’ansietà.
  2. La FED ha indicato proprio le incertezze del mercato come uno dei motivi del mancato rialzo dei tassi. Tuttavia i mercati sono un luogo dove si trattano prezzi e merci (le azioni in questo caso), il punto finale della filiera economica e finanziaria. Come mai l’istituzione governo del mercato USA si fa guidare invece di dare una direzione ai mercati stessi? Per di più l’incertezza dei mercati era derivata dalle crescenti difficoltà della Cina e delle economie emergenti (o dovrei parlare di finanza?) e non quella a stelle e strisce che invece corre come un treno (l’economia reale!). Per di più, se il declino della seconda economia mondiale era sfuggito alla FED in precedenza allora siamo veramente nei guai.
  3. Una delle motivazioni addotte è stata l’inflazione, che resta ancora sotto il livello atteso dalla Banca Centrale (manca uno 0,1% al 2% atteso!), ma è oramai chiaro che le metriche usate dal governo americano per l’inflazione non si riflettono affatto sui prezzi dei supermercati. Quanti hanno visto un ribasso sui carburanti nonostante il calo del prezzo del greggio? Ovviamente non abbiamo un’inflazione come negli anni ’70, ma l’aumento di prezzi è evidente a tutti, negli USA (così come in Italia).
  4. E’ chiaro che il tasso di disoccupazione non è importante per la FED, nonostante fosse uno dei parametri chiave. Il 5.1% di disoccupazione misurato fino al mese di agosto scorso è sicuramente migliore del 6,5% indicato a  suo tempo come il livello sotto il quale si sarebbe alzato il tasso di interesse. Va tuttavia detto che la percentuale non tiene conto di tutti quelli che hanno rinunciato a cercare lavoro.
  5. Gli interessi bassi erano intesi a stimolare la gente ad investire, ma io, come tanti altri,  cerco di risparmiare fino all’ultimo centesimo in questo periodo pieno di incertezze e nubi all’orizzonte. La decisione della FED mi costringe sempre più in questa direzione, visto che neanche la Banca Centrale USA ha fiducia nella propria economia al punto da smettere di drogarla.
  6. il debito pubblico USA è oramai a livelli di vera insostenibilità, dopo tutti gli sforzi fatti per stimolare l’economia a uscire dalla Grande Crisi. Un dollaro forte avrebbe aiutato il Paese a controllare la crescita di un debito pubblico che porta rischi gravissimi se fuori controllo. La decisione della FED ha invece indebolito il dollaro, portando ulteriori elementi di preoccupazione per i mesi a seguire.
  7. La credibilità della FED non è l’unica cosa che è uscito incrinata dall’attesissima riunione di ieri (“ma sanno che stanno facendo?” “hanno dati diversi da quelli dei mercati?” “è in arrivo un’altra crisi?”sono alcuni dei commenti che si possono leggere in questi giorni e di cui ho già tratto qui). Si è incrinata la fiducia nella capacità degli USA di prendere per mano l’economia mondiale e questo è un vero disastro.

Vedremo nei prossimi giorni come tutto questo andrà a finire.

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Riflessioni sull’economia mondiale

1E’ pericoloso parlare di economia in questi giorni caratterizzati dall’isteria collettiva e dalla consequente volatilità globale.

La crisi del secondo motore dell’economia mondiale, la Cina che è ancora basata sulla produzione industriale del Paese anche se in graduale apertura incondizionata ai mercati  è sicuramente una cattiva notizia per il mondo che contava sull’imponente volume d’affari, in vertiginosa crescita negli ultimi dieci anni, ma non era inattesa, anche se rivelata a sorpresa dalla clamorosa svalutazione della moneta cinese prima che i dati sulla produzione industriale cinese affossassero i mercati mondiali, dando inizio ad una “correzione” dolorosissima che sembra continuare oramai oltre le due settimane. Pechino oltretutto si sta ancora affacciando alla finanza mondiale e flirta da tempo con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) per un posto nel paniere delle monete di riferimento. In cambio sono state richieste riforme (o “misure correttive” come le ha definite Pechino) per garantire una sempre maggiore liberalizzazione degli scambi finanziari e quando la svalutazione dello yuan è stata annunciata, l’istituto di Christine Lagarde è stato esplicito nelle sue congratulazioni, mentre i mercati si schiantavano per la prima volta l’11 agosto.

Gli Stati Uniti, che crescono addirittura al di la delle previsioni e sono riusciti a portare il tasso di disoccupazione a livelli endemici sul mercato, sono l’unica economia reale in grado di reggere il peso dei mercati mondiali, seguiti a ruota dall’Europa che tuttavia non ha ancora consolidato la sua agognata ripresa dall’ultima crisi. ll problema tuttavia è che il valore della moneta americana non rispetta la situazione reale ed ha un quotazione troppo bassa rispetto a quanto dovrebbe essere per una valuta che rappresenta un’economia florida come quella USA, in un contesto deprimente come quello del resto del pianeta. Si è fatti di tutto per mantenere il dollaro il più basso possibile per rilanciare l’economia, immettendo grandi quantitativi di denaro sul mercato e i progressi sono evidenti, visto lo stato di salute dell’economia USA. Tuttavia, la Federal Reserve ha cautamente ventilato l’intenzione di alzare il tasso d’interesse, per la prima volta da dieci anni, a partire proprio dal mese di Settembre e questo porterà a scoprire le carte per un economia che non potrà più contare sulle facilitazioni della banca centrale: sarà in grado di reggersi da sola?

Anche questo però è un fatto noto: è più di un anno che la FED ne parla, prima come ipotesi, poi come dato di fatto e ancora adesso si dibatte sul quando fare l’intervento dovuto ed io mi auguro che non sia procrastinato troppo. Altro che soldi facili: è così che crescono le bolle speculative e sappiamo tutti i danni che queste comportano. Tuttavia sono molti quelli che strillano le proprie angosce, per paura che l’intervento faccia decrescere ancora il valore delle azioni in un mercato già in grande sofferenza, ma non sono pochi quelli che credono o sperano che questo sia già un ri-aggiustamento del mercato al nuovo valore, anticipando l’aumento dei tassi di settembre o dei mesi successivi, prima della fine del 2015.

La crisi cinese ha toccato il fondo? La FED alzerà i tassi di interesse? Non si possono avere certezze in questo mercato che apre ancora solo per dare spettacolo, visto che le contrattazioni vanno avanti oramai 24 ore al giorno in maniera assolutamente automatizzata. Il dato di fatto è che mondo crescerà molto più lentamente (e forse non è una cosa negativa, per molti aspetti) e l’unica nazione che ha avuto la fortuna di avere una guida lungimirante e ispirata nell’affrontare la Grande Depressione del 2008 sembra destinata a prendere ancora una volta per mano il pianeta. Viste le alternative, mi auguro che lo faccia con decisione e rispetto.

, , , , , , ,

1 Commento

Signori, la nuova crisi è servita (ovvero: il crack dei mercati spiegato ai non addetti ai lavori)

1Quanto mi da fastidio aver avuto ragione!

Il 12 agosto ho scritto sulla svalutazione della moneta cinese, decisa a tavolino dal Partito Unico e annunciata a sorpresa, con il solo FMI ad applaudire in nome di una libertà di fluttuazione che Pechino non sa neanche cosa sia. Si sentiva una puzza insopportabile, ma i giorni successivi alla batosta subita dai mercati era seguito un timido recupero che mi aveva fato sperare. I miei timori erano invece (purtroppo) fondatissimi: signori ecco a voi il crack del mercato globale.

Sfido qualsiasi economista a spiegarlo. E’ sufficiente il rallentamento (le previsioni per l’economia cinese, ora riviste al ribasso sono pur sempre di una crescita del 7%) della seconda economia più grande al mondo per giustificare il doloroso tracollo che i risparmiatori e gli investitori di tutto ill mondo hanno subìto? E’ forse uno strano segnale di mancanza di fiducia nell’economia USA che tira come un treno, sia in termini di produzione, di consumi che di tasso di disoccupazione, tanto da indurre la FED a rialzare i tassi di interesse entro il 2015? E’ forse il prezzo del petrolio che è ai suoi minimi termini, vista la sovrabbondante offerta sui mercati dopo lo sviluppo del cosiddetto “fracking” (la tecnica di estrazione dell’olio nero dalle rocce, che ha portato gli USA all’indipendenza energetica nonostante l’altissimo prezzo in termini di inquinamento delle falde acquifere in California)? Sono mesi che quelle che Enrico Mattei definì le “sette sorelle” e cioè i produttori di petrolio, in maggioranza statunitensi, strillano contro un dollaro forte mentre il prezzo della materia prima cala, anche a causa delle scelte fatte in passato e non mi stupirei affatto se questi “signori” avessero avuto un ruolo nella catastrofe economica mondiale. Per loro il profitto viene prima di tutto, anche del futuro del pianeta stesso, ma non ci sono prove che l’ondata di panico che ha investito tutti i mercati mondiali possa essere stata spalleggiata da costoro. In ogni caso, anche se l’impressionante tsunami di vendite fosse derivato da una combinazione di tutti questi fattori, (con l’aggiunta della caduta delle economie emergenti – Brasile e India in testa – che si dibattono nella recessione), una crack come quello che stiamo vivendo non potrebbe essere giustificato.

In banca, in California, dove vivo, ripetono il briefing ricevuto dalla sede centrale: sono sei anni che la borsa USA produce profitti, (non come in Italia dove perdere è oramai un esercizio di routine); è quindi un doloroso “aggiustamento del mercato”, alla ricerca di una valutazione delle azioni quotate più aderente alla realtà.  Se così fosse, sarebbe una versione extra-large di un evento ciclico che una volta toccato il fondo riporterà la situazione alla “normalità”, anche se parlare di normalità mi sembra davvero strano, perché tutto quello che sta succedendo non ha proprio niente di normale.

Vorrei tuttavia porre una domanda, dando per vera la spiegazione legata all’aggiustamento dei mercati: visto che tutto parrebbe aver avuto inizio con la politica dirigista della Cina, questo aggiustamento planetario sarebbe quindi successo comunque? Proprio adesso che la FED si appresta(va?) ad alzare i tassi di interesse dopo 10 anni di aiuti all’economia, certificandone ufficialmente l’eccellente stato di salute, il mercato USA crolla come tutti gli altri, che al contrario sono nei guai.  Questo, per quanto posso capire, significa che il mercato USA ha paura dell’azione combinata di un rallentamento globale (vedi Cina) con una drastica diminuzione degli ordini e dei prezzi delle materie prime (petrolio in testa) e l’aumento del prezzo del dollaro annunciato dalla FED. Capite? L’economia va benissimo, la disoccupazione è scesa an un livello considerato quasi endemico nel capitalismo con oltre 3 milioni di nuovi posti di lavoro  creati dall’inizio dell’anno, con stipendi in crescita del 2.4%, il settore immobiliare cresce al 5%, l’economia reale cresce del 2.5% ed il basso prezzo del petrolio dovrebbe portare benefici allo sviluppo industriale e dei servizi (a prescindere dai profili dei Signori dell’Olio Nero), ma il mercato USA crolla (oggi ha perso di nuovo il 3.6%) perché nel mondo le cose non vanno altrettanto bene! Pazzesco.

Ma non abbiamo imparato niente dalle crisi precedenti? Non esistono strumenti finanziari per controbattere gli eventi? Perché la Banca Popolare Cinese non diminuisce le riserve strategiche a cui sono obbligate le banche cinesi, immettendo così nuova abbondante liquidità (di cui la Cina ha un eccesso) e consentendo di investire sul mercato, oltretutto a prezzi oramai molto più bassi?

La triste realtà è che viviamo in una società globalizzata (che fa spesso rima con “sodomizzata”) in cui gli interessi degli USA sono predominanti in ogni settore, ma non sono necessariamente legati all’andamento del Paese, anzi. Le multinazionali americane fanno profitti dappertutto, legate come in una ragnatela globale alle economie locali che, se sono grosse come la Cina, fanno molto male quando cadono. Così basta uno starnuto da qualche parte nel globo che Wall Street soffre, costringendo la gente che non ha alternative per investire i propri risparmi a tifare per sempre maggiori profitti per chi è già ricchissimo, pena la catastrofe finanziaria globale. Così anche il valore del dollaro crolla, nonostante rappresenti l’unica economia mondiale che tira come un treno, e gli investitori non cercano più il biglietto verde come rifugio davanti al baratro, ma preferiscono il traballante euro, caricandolo sempre più e costringendo l’intera Unione Europea ad una competizione impari con prodotti costosi rispetto a quelli a stelle e strisce.

E chissenefrega della gente e dei loro risparmi, ma così il capitalismo (o l’odierna aberrante deviazione dello stesso) muore.

 

, , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

La Cina, gli USA e la ripresa economica mondiale

1Fa rabbia perché accade all’inizio di una ripresa globale dalla grande crisi del 2008.

In Europa le economie più importanti traballano ancora, ma sono chi più e chi meno in ripresa economica, anche se sono tante quelle che soffrono. Atene docet. Per fortuna ha costretto a fare un po’ di pulizia e a tagliare i costi, ma i danni sociali di questa crisi finanziaria saranno calcolabili solo quando si avrà la certezza che sia passata, anche se sono in realtà inestimabili. A partire dalla disoccupazione e dalla povertà che ha generato. Ci vorranno ancora molti anni per tornare a livelli di occupazione decenti e quindi far ripartire davvero l’economia, non solo in Italia, ma in tutta l’Europa.

Negli USA, dopo ho il piacere di vivere, il tasso di disoccupazione, 5% stando ai dati della FED, è a un passo dal traguardo che  gli esperti chiamano “livello endemico” e cioè quasi un rumore di fondo nella piena occupazione. Un miraggio, per noi in Italia. Qui l’economia va a gonfie vele sotto tutti i punti di vista, tanto da far prevedere un rialzo dei tassi d’interesse dal prossimo mese di settembre. In teoria, l’aumento del prezzo del denaro, fermo praticamente a zero da anni, dovrebbe portare ad un aumento del valore della moneta e un dollaro forte non è sicuramente un’agevolazione in un’economia globalizzata, ma è assolutamente necessario per il conto economico dello Stato, visto che l’economia sembra ampiamente risanata. Si aspettano i dati di settembre ed in particolare quelli sull’occupazione e sull’andamento dei salari per poter finalmente effettuare l’aumento dei tassi.

Come gli altri mercati emergenti, la Cina non ha rispettato le attese di crescita sproporzionata che avevano caratterizzato gli anni scorsi, anche se l’economia continua a crescere (quest’anno ci si aspetta una crescita “solo” del 7%), così come il peso specifico della sua economia, la seconda al mondo dopo gli Stati Uniti d’America. Da tempo flirta con il Fondo Monetario Internazionale a cui ha chiesto un posto nel paniere di valute di riferimento, un posto nel salotto buono della banca mondiale. Non c’è da stupirsi: l’abbiamo fatto anche noi con l’euro, peraltro riuscendoci.  Gli viene chiesta una maggiore flessibilità nella libera fluttuazione dello yuan sui mercati e la Cina, improvvisamente svaluta la propria moneta non una, ma due volte (e chissà per quante altre) nei confronti del dollaro. In Cina infatti si opera in una situazione di semi-libertà anche nel campo finanziario e la Banca Popolare Cinese pubblica ogni giorno la forcella di oscillazione consentita al contrario della libera fluttuazione a cui gli altri mercati (USA in testa) fanno riferimento. La svalutazione “a tappe” è stata quindi pianificata e messa in pratica per favorire le esportazioni dei prodotti cinesi, come ufficialmente dichiarato, ma se così fosse se ne dedurrebbe che altre svalutazioni saranno necessarie per avere un benché minimo impatto: altro che il 2% iniziale e il successivo 1.6%! Forse il 10% potrebbe avere un effetto, stando agli esperti in materia. La verità è che con una crescita inferiore a quella spaventosa degli scorsi anni, molte aziende cinesi traballano e un’eventuale perdita massiccia  di posti di lavoro potrebbe generare disordine nella società costruita dal Comitato Centrale del partito unico cinese. Una moneta più debole fa contento il FMI, agevolando la positiva riuscita dell’impegno diplomatico per l’acceso al salotto buono della finanza e aiuta la competitività delle imprese. Ai danni del dollaro USA e della ripresa globale dopo la crisi del 2008 o in aiuto alle potentissime lobby USA (con i pericolosissimi produttori di petrolio in testa, gli stessi che hanno ottenuto la guerra in Iraq) che vorrebbero un biglietto verde più debole per competere meglio e sopratutto per guadagnare sempre di più?

Dagli Stati Uniti strillano per l’intervento a gamba tesa e tutti i media statunitensi, nei ritagli di spazio lasciati dai commenti sulle estenuanti esternazioni quotidiane di Donald Trump, parlano di scorrettezza cinese contro la libera competizione internazionale, anticipando come l’incontro bilaterale del premier cinese con Obama, a settembre, assuma caratteristiche sempre più importanti per il futuro. La sorpresa è stata grande e la reazione immediata dei mercati è stata caratterizzata dal panico, con gli indici di tutto il mondo in profondo rosso. Troppe le implicazioni della doppia svalutazione; dalle materie prime, già deboli per la traballante economia mondiale, al conto economico dello Stato Americano, alla sostanziosa perdita di valore di aziende come Apple, che hanno puntato grosso sulla Cina. La paura di una rinnovata instabilità ha infine colpito anche la valuta USA che, invece di essere sempre più forte, ha perso valore nei confronti dell’euro, visto da molti investitori come temporaneo rifugio, in attesa che la calura estiva lasci il posto a volumi di scambio normali sui mercati e la FED metta in pratica l’annunciato rialzo dei tassi nel mese di settembre.

Nei prossimi giorni le altre puntate, ma si sente distintamente il fetore di una crisi già vissuta, che si credeva passata.

, , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

Apple, il mercato e la rivolta popolare globale

Prendete il valore di tutte le società quotate sul listino di Madrid (599 miliardi di dollari), sommatele a tutte le società quotate nella Borsa di Atene (36 miliardi di dollari). Scoprirete che il totale non è sufficiente per raggiungere la capitalizzazione di Apple.

Quello in cui viviamo è il mondo dove un’azione della società cofondata da Steve Jobs adesso vale 701 dollari. Valore che moltiplicato per il totale del numero di azioni emesse dalla società di Cupertino porta la capitalizzazione di Borsa della Mela a 657,9 miliardi di dollari (circa €503 miliardi al cambio a 1,3 dollari). Molto più dei 580 miliardi di dollari di Piazza Affari. E circa sei volte i 115 miliardi della Borsa di Dublino, oltre 10 volte il listino del Portogallo (62).

Questi dati (fonte Sole24 Ore) sono inquietanti perchè dimostrano quanto la globalizzazione abbia creato aziende globali dalle dimensioni gigantesche, con fatturati e capitalizzazioni superiori alla maggior parte degli Stati del pianeta. Queste aziende (per carità nulla contro Apple – anzi… – la cito solo come esempio) hanno i capitali necessari per costringere gli Stati a adottare  misure a loro favorevoli, indirizzandone le economie attraverso “il mercato”. Non ci sono prove che lo facciano, individualmente o come lobby, ma i recenti esempi dettati dalla crisi finanziaria fanno pensare che il cosiddetto “mercato lo faccia eccome, prendendo in ostaggio le democrazie, asservendole alla logica del profitto.

Quello stesso mercato che poi penalizza l’azione della Apple (visto che li abbiamo usati come esempio con loro dobbiamo continuare per arrivare al punto, ma potremo fare lo stesso discorso per mille altri brand) perché ha venduto “solo” 5 milioni di iPhone 5, mentre gli analisti avevano previsto arrivassero a 6… Capite la logica di tutto questo? Il “mercato” domina il mondo, scommettendo sul futuro di aziende e interi Paesi, dando i “voti” a come si comportano le popolazioni del pianeta, punendole se non sia adattano ai criteri scelti (vedi Grecia…), totalmente disinteressate dai risvolti sociali delle loro scelte, dalla distruzione culturale che stanno provocando e della miseria che portano con loro.

Ma chi è “il mercato? Sono proprio le aziende di cui sopra: organizzazioni megalitiche con disponibilità economiche straordinarie e interessi globali. Le organizzazioni internazionali non hanno il potere o la giurisdizione per contrastarne i voleri, ma abbiamo per fortuna uno strumento che li può contrastare e, se necessario, colpire (come dimostra il tentativo di controllo attraverso la regolamentazione che cercano di attuare in tutti i modi): internet.

Così mentre la gente fa la fila per compare nuovi iPhone 5, ci sono altri che organizzano in rete la protesta, nel tentativo di riportare gli esseri umani, con i loro bisogni e i loro diritti inalienabili al centro della nostra civiltà, liberando la democrazia dalla schiavitù in cui è costretta. Nonostante il blackout totale che è stato deciso dai media  ufficiali che trattano delle tette della prossima Regina inglese o del povero calunniatore professionista che viene condannato dai giudici cattivi, nel patetico tentativo di distrarre l’opinione pubblica, la gente si organizza e lotta contro la tirannia in tutto il mondo: dal Cile alla Grecia, alla Spagna, il Portogallo, il Canada e gli USA. Teniamo le orecchie dritte: la rivoluzione non sarà trasmessa in televisione.

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti

la crisi finanziaria e la guerra per conquistare il pianeta

Vi consiglio di prendervi il tempo di guardare questo video (è lungo 2 ore…) sul ciclo economico dei nostri giorni e scommetto che troverete talmente tante analogie con quello che ci sta succedendo in Italia, sulle radici di una crisi che ci costringe a vivere in totale incertezza sul futuro, mettendoci tutti in condizioni di vera e propria schiavitù.

Osservo da un po’ di tempo il movimento Zeitgeist, scettico da una parte perchè dubito sempre di chi offre risposte alle domande (chissà perchè poi…) e interessato dall’altra a punti di vista su quello che è indubbiamente un cambiamento sociale di natura epocale. Non sono giunto a conclusioni, ma i temi trattati sono sicuramente centrali e, anche se il video è lungo, vi assicuro che il tempo passa velocemente tali e tante sono le tematiche affrontate.

, , , , , , , ,

Lascia un commento

Noam Chomsky e Bob Kennedy sulla crisi

Dopo lo schiaffone rifilato dagli USA all’Europa (e alla Merkel in particolare) sulla gestione della paurosa crisi finanziaria che sta riducendo tutti sul lastrico, le concessioni della Merkel che riscopre la necessità di maggiori poteri a Bruxelles (come sapevamo tutti…) e la risposta stizzita del vecchio continente che ricorda agli USA che la crisi non è nata in Europa, mi sembra doveroso sottoporvi due filmati.

Il primo è una parte di un discorso tenuto da Noam Chomski, il filosofo statunitense di statura mondiale, sull’effettiva realtà democratica negli USA:

e il secondo è un meraviglioso discorso di Robert Kennedy, che evidenzia le radici profonde del problema che stiamo vivendo nel mondo.

I suoi punti sono di un’attualità sconvolgente.

A voi le conclusioni

, , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

la rivoluzione verrà dalla Rete

Si è sempre detto che “sono i giovani a cambiare le cose, perché più invecchi e più hai da perdere” e dopo gli anni ’70 ho sempre pensato che è anche vero che i giovani sono più manipolabili. Oggi però, le cose sono diverse, perché esiste la Rete: ricordate gli stadi strapieni di ogni comizio di Obama nella sua campagna elettorale, le primavere arabe dello scorso anno che hanno rivoluzionato la geografia politica del Mediterraneo, le manifestazioni di Occupy Wall Street contro l’arrogante strapotere della finanza.

Sono i giovani che cambieranno il mondo? Me lo auguro vivamente, li osservo con attenzione perché il momento storico in cui viviamo è veramente triste e  qualsiasi cosa venga dalla gente, del mio Paese e da tutto il mondo, mi interessa per capire dove (e come) vogliamo andare avanti, mentre assistiamo al crollo verticale del capitalismo, ad un fallimento economico che, oltre che sociale, assomiglia per molti versi a quello a cui abbiamo già assistito anni fa con la caduta del comunismo. E cerco di dare una mano a chi si organizza per cercare di cambiare le cose, aggregando la gente, attraverso i social network o i blog (proprio come Nuda Verità), perché possiamo, vogliamo e abbiamo strumenti potenti per far sentire la nostra voce.

Occupy Wall Street è oramai un’organizzazione diffusa (guardate la mappa delle occupazioni che sono state fatte in tutto il mondo) che segue una precisa teoria, ha radicamenti internazionali che si riconoscono in un’organizzazione che si chiama Occupy Together e più viene contrastata duramente dalle forze di polizia nonostante il pacifismo dei partecipanti alle manifestazioni (è notizia recente la repressione violenta della polizia di Chicago subita dai manifestanti durante l’incontro il 2012 NATO Summit, il 19 maggio scorso), più cresce in termini di consensi ed iniziative.

Gli indignados spagnoli, i nostri studenti la scorsa primavera e il Movimento 5 Stelle in Italia, ognuno con le dovute e oggettive differenze, hanno qualcosa in comune perché nascono dallo stesso seme: forse i giovani cambieranno davvero il mondo, forse l’inizio è davvero vicino.

, , , , , , , ,

Lascia un commento

siamo in guerra

, , , , ,

Lascia un commento

Una richiesta al Presidente Monti

I numeri che seguono listano parlamentari che  a 40 anni si sono assicurati una pensione di 7-8mila euro al mese e banchieri coetanei che ne prendono 18mila, manager della finanza e della telefonia con mensilità lorde sui 90mila euro erogate dall’INPS (una prova concreta sull’urgenza di un tetto alle pensioni erogate dallo Stato) e parlamentari che prendono 3mila euro al mese per 1 solo giorno di lavoro…

Caro Presidente Monti, capisco che sia necessaria una revisione a tutto tondo del sistema corrotto in cui opera il Paese, ma credo che la sua capacità di interpretazione del popolo italiano non le farà sfuggire quanto sono urgenti misure immediate, retroattive e definitive contro questo abuso clamoroso che viene perpetrato nei confronti di ognuno di noi.

, , , , , , , ,

2 commenti

La FIAT scappa

La FIAT ha paura del momento che vive l’Italia. E’ impegnata alla sopravvivenza nello scenario mondiale, dove si combatte la partita dell’auto e vede il Paese dove si trova la sede della multinazionale FIAT che crolla, come Pompei, cadendo letteralmente a pezzi per troppi anni di mancata manutenzione. E  reagisce da azienda, dimostrando il fastidio per le regole sindacali in Italia, frutto di decenni di dure lotte e conquiste per i lavoratori italiani, che inevitabilmente appesantiscono lo sfruttamento economico e finanziario degli stabilimenti, cosa che in altri Paesi meno evoluti e democratici non succede.

Ovviamente questa sarebbe una libera scelta di mercato in un’economia reale che funziona, senza trucchi ed inganni, perchè l’impatto sociale di un’impresa delle dimensioni della FIAT sarebbe compensato da quello di altre imprese, ma in un’economia bloccata per colpa dell’inettitudine della nostra classe politica, nel mezzo di una crisi globale profonda che sta ridisegnando gli equilibri internazionali, l’insofferenza della FIAT è veramente inopportuna e dovrebbe essere mal sopportata ed apertamente rigettata dalla società tutta se non fosse altro per i finanziamenti che la collettività tutta ha fatto nei confronti della società della famiglia Agnelli da sempre, per aiutare l’impresa proprio per il positivo impatto che avrebbe avuto per l’economia del Paese.

Un’azienda ha come logica il profitto e non il bene comune. Purtroppo questa è la realtà di un capitalismo oramai privo di alcun valore morale, che compete ad ogni costo al suo interno, con aziende che fatturano come alcuni Stati. La collettività non deve lasciare questa logica diventare la logica comune, perchè si condanna automaticamente alla schiavitù. Bisogna fare quello che è giusto e non quello che è (e fa) comodo. Per questo la FIAT non può dettare le leggi sindacali, altrimenti minacciando di chiudere gli stabilimenti in Italia ed un governo appena decente dovrebbe chiarire il concetto ai vertici dell’azienda di Torino.

Da questa crisi si esce tutti insieme, non è consentito sganciarsi adesso che la nave rischia di affondare.

, , , , ,

Lascia un commento

EPPURE SOFFIA IL VENTO GELIDO DELLA CRISI

Eppure avevano annunciato che era finita… Tutti: anche lo stesso Obama aveva detto pubblicamente che gli Stati Uniti erano fuori dal tunnel, gli indicatori della finanza internazionale avevano ripreso a salire, confermando che la drammatica crisi mondiale era oramai storia. “La ripresa sarà lenta”, “L’Italia ha retto meglio degli altri”, chi non ricorda i commenti degli esperti che già guardavano alla ripresa interpretando i dati, le vanagloriose esternazioni dei politici che si fregiavano di meriti mai acquisiti, probabilmente loro stessi increduli, visto che nulla  è stato fatto in Italia (a parte l’estensione della Cassa Integrazione Guadagni) e ben poco all’estero.

Poi sono arrivate le imprese, che continuavano a licenziare, a delocalizzare all’estero, a rivedere i patti con il mondo del lavoro, e qualcuno ha cominciato a chiedersi come questo fosse possibile in vista di una ripresa, lenta ma oramai sancita e celebrata. Alla fine Obama ha “svelato” di non avere la bacchetta magica, che la disoccupazione negli USA è a livelli poco sopportabili (ha addirittura promesso sgravi fiscali per chi… assume, cosa che sembrerebbe paradossale se non fosse drammatica) ed i mercati hanno quindi ripreso a temere: chi la “deflazione”, chi una seconda ondata (o meglio dicasi “ripresa”) della crisi…

So di aver generalizzato in maniera quasi insopportabile, cercando una sintesi per fare il punto su cui agganciare le mie considerazioni e quindi mi scuso con i puristi, ma credo che:

  1. sarebbe ora di far capire molto onestamente alla gente che la crisi è strutturale e non passeggera. Questo è un dovere da parte di chi ci amministra, nonostante il timore che questo porti al panico sui mercati. E’ proprio a causa dello scollamento tra mondo della finanza e mondo economico (quello reale, quello delle imprese) che è nata la tragica situazione che stiamo vivendo ed proprio questo il nodo che bisogna affrontare: stringere le distanze fino a riportare la finanza ad uno stretto, inscindibile legame con la produzione reale, perchè solo questa porta occupazione e benessere, non le speculazioni “sulla carta”.
  2. bisognerà affrontare la crisi sociale che deriva da tutto questo. Senza lavoro e guadagni la gente (almeno quella onesta) non consuma, minando alle fondamenta il nostro sistema, basato proprio sul consumo. Le aziende lo hanno capito sulla loro pelle, abbassando i prezzi e… tagliando fino all’essenziale perchè non hanno le risorse professionali per individuare le caratteristiche del “nuovo” mercato ed adattarsi (magari riducendo i profitti): da qui la proposta di Obama di incentivi a chi assume… Lo hanno capito anche le persone (ovviamente), ma i nostri amministratori ancora sguazzano nelle loro beghe personali.
  3. bisogna prepararsi al lungo periodo. Il mercato è semplicemente cambiato e non sarà mai più come era prima: i primi che capiranno il cambiamento, che sapranno adattarsi, saranno i vincitori, mentre gli altri finiranno per soccombere. Ecco la mia preoccupazione più grande, perchè qui in Italia ho paura che non ci sia la preparazione professionale, sia a livello privato che pubblico per affrontare il nuovo, presi come siamo nel litigare su come non fare affondare l’esistente. La gente è l’unica risorsa: tutti noi ci accorgiamo che la barca sta affondando, ma non abbiamo una coscienza comune che ci consenta di far fronte, di imporre ai nostri amminstratori un’attenzione ai veri problemi del Paese.

, , ,

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: