Articoli con tag Marcegaglia

Emma, Gianfranco e lo strappo finale

L’Italia per Fini “è un paese fermo e dilaniato da mille polemiche, Emma Marcegaglia, ha drammaticamente ragione”. Così il Presidente della Camera in un’intervista a Il Messaggero di oggi si mette al fianco di Emma Marcegaglia che ieri aveva lanciato un altro affondo sull’immobilità del governo di fronte alla drammatica realtà del Paese e delle sue imprese. “Se l’Italia non esce dalla propaganda affonda in una palude” continua Fini, aggiungendo che il PDL deve “smetterla di dire che la colpa di tutti i problemi è dei giornali, della sinistra o della magistratura” evitando così di affrontare i problemi del Paese.

L’insanabile frattura tra Fini e Berlusconi sembra proprio essere giunta al momento della verità anche alla luce dei commenti:

  • sulla giustizia (“la legge deve essere uguale per tutti e chi sbaglia deve pagare. Questo è esattamente il contrario dell’impunità e dell’immunità”);
  • sull’economia del Paese (“Anziché risparmiare cento con tagli da dieci dobbiamo indicare settori in cui investire e non solo quelli in cui tagliare. La nostra economia non sarà mai competitiva in termini di quantità. Possiamo essere competitivi solo in termini di qualità. Possibile che l’Italia non riesca a trovare risorse che al contrario saltano fuori quando la Lega batte i pugni sul tavolo per difendere 200 ultrà delle quote latte?“).
  • sugli scandali (“il caso Ruby sta facendo il giro del mondo e mette l’Italia in una condizione imbarazzante. Sono amareggiato dalle ultime vicende politiche di cui sarebbe meglio non parlare. L’Italia merita un biglietto da visita migliore di quello che viene presentato, e questa ennesima polemica rappresenta una brutta pagina per il nostro Paese”)

L’asse tra Futuro e Libertà e Confindustria ed il capitale storico italiano rappresentato da Montezemolo, sembra essere ulteriormente rinsaldato dalla comunanza di vedute pubblicamente espresse, accelerando lo strappo con il PDL. D’altronde anche Bossi, nel bel mezzo dell’uragano Ruby, parlando ai suoi leghisti aveva premonizzato: “è in arrivo un governo tecnico con noi all’opposizione: preparatevi”. Gli unici a non crederci sono lo stesso Berlusconi (“un governo tecnico sarebbe un rovesciamento della democrazia” ha  dichiarato all’ANSA, dimostrando ancora una volta di intendere la legge costituzionale in una maniera tutta sua, visto che il Presidente della Repubblica è obbligato a valutare se esistono altre maggioranze in Parlamento in caso di crisi) e Maroni che, nel lento, ma costante, tentativo di proporsi come alternativa alla guida del Carroccio, insite per elezioni anticipate in caso di crisi dell’attuale governo.

In tutto questo movimento non è escluso che il PD partecipi dietro le quinte, ma sicuramente, non ha ancora una volta una precisa strategia di comunicazione, rischiando di risultare agli occhi dell’elettorato come uno spettatore passivo…

Annunci

, , , , , ,

Lascia un commento

La pazienza è finita

Facciamo il punto, cercando di restare razionali, senza cedere allo sdegno, in mezzo a questa ennesima vicenda che coinvolge il nostro Capo del Governo e quindi tutti noi, in Italia e nel mondo.

Non è molto che illustri rappresentanti del capitale italiano quali Luca Cordero di Montezemolo avevano dichiarato che la loro pazienza stava terminando di fronte al malgoverno, sulla scia delle dichiarazioni della Presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, che chiedeva un esecutivo capace di governare l’uscita da una crisi devastante per le imprese italiane (con tutte le conseguenze che che quelle dichiarazioni ebbero grazie alla fabbrica del fango di Sallusti & Co.) Al tempo delle dichiarazioni, Berlusconi era alle prese con la casa di Montecarlo dello scissionista Fini e con la preparazione del Lodo Alfano e non  aveva tempo di ascoltare, così oggi la stessa Marcegaglia torna a sottolineare l’inesistenza di una qualsiasi attenzione da parte del governo, ma il Presidente del Consiglio non ha tempo, sommerso dall’immondizia, sia quella del mancato miracolo napoletano, dell’esportazione illecita dei suoi capitali ad Antigua, dell’ultima frode fiscale emersa, compiuta assieme al figlio e adesso quella generata dall’ennesimo scandalo erotico con una minorenne.

Mentre la disoccupazione cresce, (nonostante i patetici tentativi del Ministro Sacconi di fare paragoni con la media europea che risulta superiore al tasso di disoccupazione italiano solo perchè da noi non vengono calcolate le persone in cassa integrazione, che sono centinaia di migliaia), la stragrande maggioranza dei giovani non riesce a trovare un lavoro, la ricerca e la scuola agonizzano sotto la scure dei nuovi tagli orizzontali di Tremonti, gli ospedali chiudono o continuano a fornire nuovi esempi di sanità malata non più in grado di far fronte alle necessità della popolazione, la corruzione dilaga dappertutto e la giustizia non è in grado di assicurare la salvaguardia degli onesti.

Lui non ha tempo, ma se la ride immerso nel delirio di onnipotenza che lo pervade: si fa beffe dello scandalo immobiliare dicendo che di case ne ha tante, afferma che il suo stile di vita non vuole cambiarlo, fregandosene dell’imbarazzo che provoca a tutti gli italiani sbeffeggiati in tutto il mondo il suo comportamento indecoroso (oltre che francamente penoso per una persona anziana come lui).

Non ha tempo perchè deve trovare una maniera di salvaguardarsi personalmente dalle conseguenze di una vita spesa tra truffe, raggiri, frodi fiscali, corruzione, associazioni e frequentazioni malavitose che gli hanno dato una ricchezza spropositata, ma di origini illegali.

Il comportamento del nostro Premier è talmente arrogante che anche molti di quelli che lo avevano seguito cominciano a lasciarlo, un po’ per imbarazzo ed un po’ perchè temono che la caduta del monarca possa portare schizzi di fango anche su di loro: dalla Chiesa che non riesce a “contestualizzare” l’indegnità dei suoi costumi come tuttavia era riuscita a fare anche con le sue bestemmie, agli onorevoli rappresentanti del suo partito che passano a frotte con il traditore Fini. Gli rimangono accanto quelli che più di tutti hanno tratto beneficio dalla sua corte dei miracoli, le Ministre in minigonna e tacchi a spillo, gli affaristi e gli spudorati transfughi dal fascismo più bieco. Anche i razzisti della Lega cominciano a prendere le distanze stando a quanto dichiara oggi Bossi: “Prepariamoci ad un governo tecnico con noi all’opposizione”.

Attenti però: la pazienza degli italiani, non solo quella della Confindustria, è finita e quando questo accade non si può poi piangere sul latte versato e crocifiggere chi sbaglia cedendo all’esasperazione, usando violenza per esprimere la propria rabbia ed impotenza. Che si assuma ognuno le proprie responsabilità sin da ora. La pazienza è finita!

, , , , , , , , , ,

2 commenti

La telefonata

questa è una delle telefonate del caso Il Giornale/Marcegaglia (quella di Porro). Giudicate voi se sta scherzando o meno….

, , ,

Lascia un commento

Radiare Porro e Sallusti… e non solo

La Società Pannunzio, uno dei think thank più autorevoli in Italia, che si batte per la libertà di stampa ha ufficialmente chiesto all’Ordine dei Giornalisti di Milano l’immediata radiazione del direttore del Giornale Sallusti e il suo vice Porro. “La denuncia nasce dalla diffusione delle telefonate intercettate tra il vicedirettore del ‘Giornale’ Nicola Porro e il portavoce di Emma Marcegaglia, Rinaldo Arpisella. ”Il caso Porro-Marcegaglia – scrive la societa’ – rappresenta il punto di maggiore degrado nell’intera storia del giornalismo italiano, perlomeno tra quelli divenuti di pubblico dominio. Mai un giornale era stato usato in maniera cosi’ diretta come strumento di illegittima pressione”.(ANSA)

“La Società Pannunzio è “partiticamente” non schierata e chiede l’adesione a quanti, cittadini europei, in tutto l’arco dello schieramento politico e ideale, sono preoccupati per le miserevoli condizioni dell’informazione” si legge nella scheda di introduzione del sito della Società, che conta tra i promotori alcuni tra i nomi più prestigiosi del giornalismo nazionale.

Intanto la Marcegaglia in un’intervista con il Corriere della Sera avverte che “c’è una questione di ordine generale, che attiene alla libertà e alla serietà delle opinioni espresse non da Emma Marcegaglia come cittadina ma come presidente di Confindustria. Nessun “dossier”, nessun gossip, nessuna indiscrezione o minaccia può provocare come effetto che io modifichi, attenui o aggravi il mio giudizio sulla congiuntura, sul governo, sull’opposizione.”

Libero corre in soccorso de Il Giornale e preannuncia la pubblicazione de “l’inchiesta giornalistica, che se viene fatta da giornali del centro-destra vengono chiamati dossier”, dimostrando una faccia tosta che oltre ad essere ridicola è chiaramente in malafede, Feltri dichiara che “la Marcegaglia ha rotto i coglioni”, con l’isterismo di chi ha capito che la corda dopo tanto tirare si è oramai rotta, (così come i coglioni di tutti noi) e facendo capire che forse la Marcegaglia, più che i coglioni a Feltri sta per rompere il culo (scusate il linguaggio volgare, mi sono fatto prendere dallo stile di Feltri… perdono).

Mentre il noto cazzeggiatore Porro ribadisce che stava scherzando (un po’ come Bossi che scherza con i porci romani… ma quanto sono burloni nella destra Berlusconiana… deve essere l’influsso delle barzellette del premier…) il procuratore capo di Napoli, Giovandomenico Lepore ha fatto sapere: “A me il tono delle telefonate non è sembrato scherzoso”. Speriamo che i magistrati vadano fino in fondo e vedrai quanto ci divertiamo noi…

, , ,

Lascia un commento

Il dossier Marcegaglia

Lo squadrismo mediatico de Il Giornale non ha veramente confini. E’ di oggi la notizia che il direttore del quotidiano “Il Giornale” Alessandro Sallusti e il vicedirettore Nicola Porro sono indagati nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Napoli su presunte minacce al presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. L’ipotesi formulata dai pm è di concorso in violenza privata come ritorsione per le critiche fatte all’operato del governo Berlusconi.

In particolare, i pm Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock intendono approfondire alcune conversazioni tra i due giornalisti indagati e l’addetto ai rapporti con i media del leader degli industriali relative a insistenze affinché la Marcegaglia “correggesse” alcune dichiarazioni forti contro l’azione del governo, minacciando la pubblicazione di notizie che l’avrebbero danneggiata. Di qui l’indagine, scaturita da alcune intercettazioni disposte nell’ambito di una diversa inchiesta condotta dai magistrati partenopei, (“…adesso ci divertiamo, per venti giorni romperemo il cazzo alla Marcecaglia come pochi al mondo!” ha detto Porro al Direttore Relazioni Esterne della Marcegaglia durante una delle telefonate intercettate).

Insomma dopo Boffo e Fini adesso sarebbe toccato alla Presidente di Confindustria subire il fango che Il Giornale alza, con menzogne, insulti e schifezze varie per discreditare chi osa semplicemente criticare il Presidente del Consiglio: questo è squadrismo in puro stile fascista (ma credo che si possa definire anche in puro stile mafioso).

Feltri, che fu sospeso dall’ordine dei giornalisti per 6 mesi per il caso Boffo, durante la perquisizione delle forze dell’ordine nella sede de Il Giornale in merito a questa inchiesta, si è fatto fotografare come se fosse stato ammanettato, pronto a sfruttare l’occasione per farsi pubblicità, e Maurizio Lupi, vice presidente Pdl della Camera dei deputati ha dichiarato: “Ormai siamo alle intimidazioni”, riferendosi all’operato delle forze dell’ordine non all’operato del quotidiano della famiglia Berlusconi, cercando di rovesciare le responsabilità, come da anni siamo oramai abituati a veder fare.

Che schifo….

, , , , ,

5 commenti

La pazienza di Luca di Montezemolo

Guarda, guarda: Italia Futura, la fondazione vicina a Luca Cordero di Montezemolo attacca violentemente Umberto Bossi e la Lega entrando a gamba tesa nel diabttito politico già rovente di questi giorni.

“Ha ragione Bossi a dire che è più facile parlare che fare” dice l’articolo, “ma negli ultimi sedici anni di fatti invece se ne sono visti ben pochi. Se non la corresponsabilità della Lega in questi sedici anni di non scelte che hanno portato il paese ad impoverirsi materialmente e civilmente. Anche sul fronte delle rivendicazioni specifiche del suo elettorato Bossi ha combinato ben poco (guardare alle promesse sul federalismo per credere). Dubitiamo infatti che i suoi elettori l’abbiano mandato in Parlamento per difendere Cosentino o Brancher”.

Insomma: dopo la pazienza della Marcegaglia (vedi articolo precedente) sembra proprio che sia finita anche la pazienza di Montezemolo.

Ovviamente stizzite le repliche della Lega in uno scrosciare di applausi da tutti gli altri. Osvaldo Napoli del PDL spiega che: “gli attacchi di Italiafutura alla Lega Nord ma estesi a tutto il ceto politico fanno sorridere (…) per un rifiuto aprioristico della realta’ italiana. Mai una volta che questi signori con l’indice perennemente alzato abbiano scelto di “sporcarsi” le mani confrontandosi con gli elettori. Sfido Montezemolo a raccogliere la meta’ dei consensi della Lega”. Personalmente credo che non ci sia bisogno di sfide e che il gesto di Montezemolo, dopo quello della Marcegaglia, sia proprio da leggere in quest’ottica, con il supporto interno di Fini e Casini e quello esterno di altri rappresentanti della destra storica italiana che mal digeriscono di essere rappresentati dalla banda di affaristi che è al governo da troppo tempo.

All’erta Bersani: mentre nel PD si continua a spaccare in quattro il capello (discutendo per carità, senza espulsioni, per non confondersi con il PDL), c’è chi sta preparando la successione a Berlusconi.

, , , , ,

1 Commento

La pazienza di Emma

“La pazienza sta finendo”, dichiara la Marcegaglia accorgendosi improvvisamente (meglio tardi che mai) delle difficoltà in cui versano le imprese. “La pazienza è finità” scrive Bersani sui manifesti accorgendosi (meglio tardi che mai) che la disoccupazione è aumentata.

Nel frattempo i giornali continuano a dare ampio risalto alle vicende dell’appartamento di Fini a Montecarlo in attesa delle rivelazioni promesse oggi pomeriggio, la camorra in Campania sottolinea che il “miracolo della monnezza”di Berlusconi e Bertolaso era in realtà una “monnezza di miracolo”, la Lega continua a tappezzare quelli che considera i suoi possedimenti nel Nord Italia di simboli nazi-padani (… anche in Jugoslavia iniziò tutto così e nessuno ci credeva che potesse finire come a Sarajevo… attenti…) e si adopera per far sloggiare chi aveva fatto della Unicredit la prima banca italiana perchè tenta (con successo) di competere sui mercati mondiali invece di investire nelle regioni del Nord (dimenticandosi, anzi fregandosene del fatto che i correntisti della banca sono anche del Sud…) e Beppe Grillo organizza la sua Woodstock, mandando a fare in culo tutto e tutti tra canti e balli.

La pazienza, Signora Marcegaglia è finita da un pezzo e credo di interpretare il sentimento di tanti nel darle pienamente ragione quando afferma “(…) che il governo ascolti l’Italia fatta di tanta gente che con grande senso di responsabilità fra mille problemi continua a fare il proprio mestiere con determinazione“, anche se le confesso che le sue parole suonano tardive e, come spesso capita a Confindustria, mirate solo agli interessi della categoria che rappresenta. E’ infatti urgente e necessario che si ascolti anche chi il proprio mestiere non può più farlo perché licenziato proprio dal sistema che lei rappresenta, e quei giovani che non riescono a trovare lavoro anche per l’inutile avarizia di un sistema industriale bloccato ed arrugginito.

Guardi: non le dico neanche niente sulla FIAT, perchè la politica di Marchionne oramai va letta in chiave di competizione globale, ma vedo con piacere il suo gesto di apertura alla CGIL, l’unico solo sindacato oramai rimasto in Italia a tentare di essere un contraltare degli interessi industriali, piuttosto le chiederei una posizione netta sulla situazione del nostro sistema finanziario che non solo strozza i suoi industriali ma nega l’accesso al credito a tutta quella gente che è costretta a sopravvivere, rivolgendosi allo “strozzo” per poter tirare avanti.

Bravo Bersani: da quello che leggo sui manifesti, tu la pazienza l’hai persa, come tutti noi. E adesso? Qual’è la linea per combattere la disoccupazione? Ci farai sapere, immagino…

Sappiate entrambi che la gente (tutta) è stufa di continuare a pagare le colpe di una classe politica inetta, ingorda ed inefficiente, che la crisi non è affatto finita (basta guardare fuori dal Palazzo, perchè delle crisi all’interno non siamo affatto interessati) e che non credo manchi molto prima di cominciare a sentire il tintinnìo dei forconi in piazza… ricordate cosa successe a Maria Antonietta ed alle sue brioches?

, , , , , , ,

1 Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: