Articoli con tag libertà

verità

Annunci

,

Lascia un commento

Libertà per la Libia

, , , ,

1 Commento

L’infame legge Romani

Ancora pesanti accuse a Berlusconi dai file di Wikileaks. Questa volta il commento dell’Ambasciata USA, datato febbraio scorso, riguarda la legge Romani entrata in vigore nello scorso mese di marzo per regolare l’utilizzo di Internet e la pay-tv:

“Nonostante le rassicurazioni del Governo italiano, la legge sembra essere stata scritta per garantire al governo abbastanza libertà da bloccare e censurare ogni contenuto web. Per anni il governo degli Stati Uniti ha chiesto una maggiore cooperazione in tema di pirateria, e l’Italia ha fatto pochissimo. Ora si salta la cooperazione e si passa a una dura regolamentazione (..) Se la legge passasse, potrebbe garantire una base legale per azioni contro gli operatori nel settore media che dovessero dimostrarsi in competizione, commerciale o politica, con esponenti del governo. Berlusconi e Mediaset hanno usato il potere (per favorire i propri interessi) sin dai tempi di Bettino Craxi. Inoltre, questa legge creerebbe un precedente che nazioni come la Cina potrebbero copiare o usare come giustificazione nel porre un limite alla libertà di parola”

Il dispaccio, firnato dall’Ambasciatore Thorne, definisce senza mezzi termini come “infame” l’obbligo  per i bloggers a ottenere la tessera dell’Ordine dei giornalisti per poter esercitare il diritto a esprimere le loro opinioni online.

, , , ,

Lascia un commento

I misteri dei pirati di Antigua

Stasera sarà interessante guardare Report, che tornerà ad occuparsi dell'”affaire” Antigua che tanto aveva innervosito il Premier. Come anticipato da La Repubblica, ci sarebbero testimoni che dichiarano in video la partecipazione di Berlusconi ad un’operazione di sfruttamento immobiliare sull’isola, resa possibile dall’azzeramento dei crediti dello Stato Italiano nei confronti dell’isola caraibica.

La cosa è venuta fuori dalle dichiarazioni dell’architetto personale di Berlusconi ed amico dei due (Nosotti e Rivolta) che avevano dato inizio all’operazione immobiliare ad Antigua: “loro me lo avevano accennato dicendo che se risolviamo i problemi del Governo di Antigua con la SACE avremo le porte spalancate per concludere l’operazione”. In effetti fu poi Berlusconi a risolvere i problemi. La SACE è l’azienda del Ministero del Tesoro che paga in anticipo le imprese italiane quando i governi esteri non saldano le fatture per poi rivalersi successivamente sugli stessi governi. A Natale del 2004 avvenne una sorta di scambio di regali: la SACE accettò di ricevere da Antigua €11.3 milioni al posto degli €84.5 a cui aveva diritto e già pagati anticipatamente alle imprese, accettando quindi di portare al Tesoro un debito di €73.2 milioni. Dopo pochi mesi l’affare immobiliare decolla.

Nell’ambito di un’indagine sulla Banca Arner, l’istituto svizzero in cui Berlusconi ha i suoi conti personali, la cui filiale italiana è finita in amministrazione straordinaria per vicende di riciclaggio, la Banca d’Italia e la Procura di Milano hanno già appurato che dai conti del Premier sono arrivati sui depositi della società che gestiva l’affare di Antigua bonifici per €22 milioni per finanziare l’acquisto dei terreni e la costruzione delle ville. Soldi importanti a cui si era aggiunta una fideiussione personale di Berlusconi a Rivolta per ulteriori €10 milioni.

Preso dal corrompere mezzo Parlamento per assicurarsi la fiducia nei prossimi giorni, Berlusconi non ha commentato le anticipazioni, ma è di queste ore la notizia di un esposto all’AGCOM , l’Agenzia di Controlo sulle Comunicazioni, depositato il 2/12 scorso da parte di Giulio Tremonti, il Ministro dell’Economia, che chiede sanzioni contro la trasmissione della Gabanelli…

, , , , , ,

Lascia un commento

Lula da l’esempio

Inacio Lula, il Presidente del Brasile, ha dichiarato pubblicamente al sua solidarietà a Julian Assange attraverso il blog della Presidenza della Repubblica (straordinario esempio è anche il fatto che esista un blog di un’istituzione così alta…). Il testo è ovviamente in portoghese, ma ne riporto uno stralcio tradotto:

Il presidente Lula ha dichiarato oggi la sua solidarietá al fondatore di Wikileaks, Julian Assange, arrestato questa settimana […] ed ha criticato la stampa brasiliana per non aver difeso l’attivista australiano e la libertá d’espressione. “Il ragazzo [Assange, ndt] è stato arrestato eppure non vedo nessuna protesta contro la restrizione della libertá di parola” ha detto Lula, prima di esprimere la sua protesta in questi termini:

“Ehi, Stuckert [Ricardo Stuckert, fotografo ufficiale della Presidenza], allora fai cosí, la prima protesta contro la restrizione alla libera espressione, allora, mettila sul blog della Presidenza a nome mio, perché il ragazzo [sempre Assange, ndt] sta solo divulgando cose che ha letto. E se l’ha letto è perché qualcuno l’ha scritto, e allora il colpevole non è chi l’ha divulgato, ma chi l’ha scritto. Quindi, invece di accusare che divulga, accusate chi ha scritto quelle fesserie, perché se non le avessero scritte non avremmo nessuno scandalo. Quindi, a Wikileaks va la mia solidarietá per la divulgazione dei testi e la mia protesta contro la restrizione alla libertá d’espressione.”

, , , , ,

10 commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: